FARE

Granato: la pietra della felicità


Le pietre di Casa felice

Il termine granato designa un gruppo di minerali nesosilicati, di cui alcuni in uso fin dall’Età del Bronzo come gemme; trovare granati nei gioielli degli antichi Egiziani, Greci e Romani non è raro.

Il nome "granato" deriva dal latino granatus (grano), con un probabile riferimento al malum granatum (melograno), pianta con semi rossi con forma e colore simili a quelli di alcuni cristalli di granato

È’ diffusa l’erronea credenza che il granato sia una pietra preziosa rossa: in realtà esso si presenta in una serie di colori che va dal viola, arancione, rosa, giallo, verde, marrone e nero all’incolore, sebbene con il termine generico
"granato" ci si riferisca di solito alla varietà rossa piropo. Nell’antichità al granato veniva attribuita la facoltà di risplendere nell’oscurità; era considerata la pietra degli eroi, il possederla donava coraggio, tanto che era spesso
incastonata negli scudi e nelle impugnature delle spade dei guerrieri medioevali.
Con questa magnifica pietra venivano fatti degli amuleti protettivi ed apportatori di ricchezza e felicità. Il granato rinforza, purifica, vitalizza e rigenera i sistemi del corpo, specialmente quello vascolare. Porta compassione,
esalta l’energia vitale e l’immaginazione.
Fortemente stimolatore.
Sviluppa la presa di coscienza.

“Ognun
vede quel che
tu pari, pochi
sentono quel
che tu sei”

Niccolò Machiavelli

Dà sicurezza. Il granato è un silicato e ha un caratteristico aspetto tondeggiante "granulare" da cui il nome. Colore: rosso; Segno Zodiacale: Capricorno. Il granato illuminava già l’arca di Noè. I granati sono ampiamente conosciuti
da migliaia di anni. Persino Noè utilizzava una lanterna di granato per guidare in sicurezza la sua arca nell’oscurità
della notte . I granati si trovano nei gioelli dell’epoca degli antichi Egiziani, Greci e Romani. Molti esploratori e viaggiatori coraggiosi indossavano i granati per protezione, poichè essi erano considerati popolari talismani e
pietre protettrici, infatti, a quei tempi si credeva che i granati illuminassero la notte e preservassero chi li indossava da ogni sorta di male. Oggi la scienza ci ha spiegato che la proverbiale luminosità del granato deriva dalla sua alta rifrazione della luce.

 

condividi :
CARLO SCARPA – FRANK LLOYD WRIGHT
14/04/2011
LA CANNA FUMARIA? TENIAMOLA PULITA!
17/02/2010