ARCHITETTURA

Il fuoco in cucina

Il gusto antico dell’intimità domestica nella cucina della casa di campagna in Versilia, rivive nel calcolato contrasto tra la struttura muraria candida della parte “tecnica” rivestita di ceramiche in tinta, come il pavimento, e con piano di pietra serena, e i mobili d’epoca di legno scuro, come la bellissima madia e il tavolo, o di legno più chiaro, come la credenza primo Novecento, ma anche col mobile di acciaio e cristallo che ospita vasi, bicchieri e altre attrezzature di servizio.Funzionali ma anche accoglienti: la nuova tendenza che negli ultimi tempi è divenuta dominante nell’arredamento della cucina è quella della realizzazione in muratura. Le ragioni sono molto semplici, innanzitutto una maggiore solidità di tutta la struttura con la possibilità di inserire il camino per cucinare, la possibilità di rivestire con piastrelle e quindi di aumentare l’aspetto decorativo, la maggiore praticità nell’insieme. Analizziamo insieme le caratteristiche principali.

Solidità: una cucina in muratura ha una struttura di solidi mattoni pieni, o in certi casi addirittura di profilati di ferro di adeguata sezione che costituiscono l’ossatura portante, che comunque è molto più robusta della struttura di legno; nel primo caso, tutte le pareti esterne (o almeno una loro parte consistente) e anche una parte di quelle divisorie sono fatte di questi elementi che, non dimentichiamolo, da secoli sono usati per realizzare ogni tipo di struttura e quindi possono resistere a qualsiasi sforzo, mentre le altre parti non portanti vengono realizzate con mattoni forati, che comunque hanno una loro intrinseca robustezza; nel secondo caso, i profilati di ferro adeguatamente calcolati sono in grado di sostenere qualsiasi peso, in collaborazione con i tavelloni che costituiscono le parti orizzontali, come il piano di lavoro, o, soluzione più rara, con la gettata di cemento armato sia per i piani sia per i setti verticali, e con i mattoni forati. Qualunque sia la struttura, viene poi intonacata con un primo strato, detto rinzaffo, con un impasto a grana grossa di malta cementizia, costituita da sabbia e cemento, o di malta bastarda, a base di sabbia, cemento e calce, e con un secondo strato, detto civile, con la stessa malta del primo ma a grana più fine; questo secondo strato può essere sostituito dalla preparazione per la posa delle piastrelle. Decoratività: la possibilità di rivestire con ceramiche, cotto, cotto smaltato, marmo, granito, pietra, materiali antichi o antichizzati, aumenta a dismisura la capacità di “vestire” e di decorare la cucina, scegliendo colori e motivi ornamentali tra una tavolozza infinita, dai colori neutri e chiari a quelli intensi e vivaci, dalle tinte luminose e brillanti a quelle vellutate e scure, e fra un abaco altrettanto esteso, dagli stilemi classici a quelli barocchi, dalle delicatezze romantiche alle fantasie Liberty e Déco, dal rigore razionalista alla fusione postmoderna. Anche se il legno ha molte essenze, con una buona capacità di variarne la tinta a seconda dell’impregnante che si usa, e un’infinita possibilità decorativa data dalle sue venature, non c’è possibilità di confronto: solo l’intervento successivo del decoratore, che però ne uccide la naturalità, o i progressi attuali della tecnologia, che consentono di riassemblare e colorare le fibre del legno a formare nuove decorazioni, possono rivaleggiare in capacità ornamentale.LA STUFA A INIETTORE, L’ULTIMA NOVITÀ DELLA FAMIGLIA DI STUFE FUOCO DORATO DI NUNNAUUNI, OFFRE LEGGEREZZA, FORME MODERNE E LA POTENZA TERMICA TIPICA DELLE TRADIZIONALI STUFE IN PIETRA OLLARE. NASCOSTO SOTTO LA BELLISSIMA SUPERFICIE, L’ACCUMULATORE CON INIETTORE SFRUTTA TUTTA LA POTENZA DELLA PIETRA OLLARE MAMMUTTI METTENDO IN RISALTO LE SUE CARATTERISTICHE UNICHE DI ACCUMULO E RILASCIO DI CALORE. L’ACCUMULATORE CON INIETTORE TRASFERISCE CON UN ELEVATO RENDIMENTO IL CALORE DEI FUMI NELLA PIETRA OLLARE MAMMUTTI. UN’EFFICIENTE COMBUSTIONE PULITA, CHE PRODUCE ENERGIA TERMICA IN ABBONDANZA, SI SVILUPPA SUBITO DOPO L’ACCENSIONE DEL FUOCO. LA TECNICA A INIEZIONE CONSENTE ALLE STUFE LEGGERE CON CARATTERISTICHE DI ACCUMULO E RILASCIO TERMICO DI TOCCARE DEI LIVELLI MAI RAGGIUNTI PRIMA DA STUFE DI DIMENSIONI E MASSA COSÌ RIDOTTE. (NUNNAUUNI, DISTR. DA PACCAGNEL)La stufa a pellet particolarmente adatta per corridoi o spazi ristretti, grazie alle sue dimensioni compatte (27cm di profondità). Flat è disponibile con frontale in acciaio verniciato nero, fianco e top in ceramica color bianco, nero e bordeaux. Canalizzazione dell’aria calda fino a 8 metri. (Flat, MCZ)

condividi :
La Basilica di Superga a Torino
31/07/2005
Opere di artigianato
17/10/2005