PENSARE

IL TESTO DELL’EDITTO DI MILANO

“Cum feliciter tam ego [quam] Constantinus Augustus quam etiam ego Licinius Augustus apud Mediolanum convenissemus atque universa quae ad commoda et securitatem publicam pertinerent, in tractatu haberemus, haec inter cetera quae videbamus pluribus hominibus profutura, vel in primis ordinanda esse credidimus, quibus divinitatis reverentia continebatur, ut daremus et Christianis et omnibus liberam potestatem sequendi religionem quam quisque voluisset, quod quicquid est divinitatis in sede caelesti. Nobis atque omnibus qui sub potestate nostra sunt constituti, placatum ac propitium possit existere.
Itaque hoc consilium salubri ac reticissima ratione ineundum esse credidimus, ut nulli omnino facultatem abnegendam putaremus, qui vel observationi Christianorum vel ei religioni mentem suam dederet quam ipse sibi aptissimam esse sentiret, ut possit nobis summa divinitas, cuius religioni liberis mentibus obsequimur, in omnibus solitum favorem suum benivolentiamque praestare…”

 
Quando noi, Costantino Augusto e Licinio Augusto, ci siamo felicemente incontrati a Milano, abbiamo considerato tutte le questioni attinenti al benessere e alla sicurezza pubblica e ci siamo accordati su quanto ci è parso particolarmente giovevole: abbiamo stabilito di dare ai cristiani e a tutti gli altri la libertà di seguire la religione che ognuno preferisce. In modo tale che, quale che sia la divinità, questa sia benevola e guardi con occhio favorevole noi e tutti coloro che sono sotto la nostra autorità.
Perciò ci è sembrato giusto stabilire che non si debba vietare ad alcuno di esercitare il culto, cristiano o di altre religioni, cosicché la divinità, venerata in assoluta libertà, possa
dimostrarsi sempre favorevole…

(Nostra traduzione libera e sunto)

L’articolo completo è disponibile in
CHIESA OGGI 100 Speciale FORMELLA CRISTOGRAMMA
Acquistalo online !

condividi :
Tra interno ed esterno
18/02/2008
Tutela del patrimonio culturale
01/12/2017