PENSARE

LA MISURA, CARDINE DELL’ESPOSIZIONE

Non riempire spazi vuoti, ma generare ambienti che ispirino un pensiero. L’arte dell’arredare può essere resa banale in tanti modi: per esempio, col mercato di massa che sforna prodotti simili tra loro, oppure con l’enfasi eccessiva che soffoca lo spazio ingombrandolo di presenze fuori misura che lo invadono per ogni dove, togliendo spazio all’essere umano. Il museo, soprattutto quello che ospita oggetti carichi non solo di memoria, ma anche di significati religiosi – densi di silenzio, votati alla pace, rivestiti degli echi delle preghiere di tante generazioni – richiede una singolare serietà non solo nel disegno, ma anche nella fattura, nella materia che diventa forma e funzione. Di qui l’importanza di una falegnameria che fa del senso della misura una delle sue caratteristiche. Come Arredamenti Nascimben Lino nata nel 1968 come falegnameria artigiana e oggi specializzata nello sviluppo di progetti personalizzati per arredi che richiedono lavorazioni complesse e diversificate. Pratica lo studio del prototipo, qualcosa che era alla base della progettazione in epoca medievale. Il prototipo consente di ricercare l’appropriatezza specifica dell’oggetto e di studiarlo nella sua efficacia effettiva:
se risulta adatto può dar luogo ad altre unità, se no, resta tale: un oggetto singolo. In ogni caso consente di apprezzare il risultato finale nella sua verità globale, non come un esercizio astratto, quale è il disegno sulla carta. La ricerca di materiali appropriati e la capacità di realizzare assemblaggi equilibrati completa l’opera. Legno, vetro, acciaio si uniscono e danno luogo a espositori che consentono una lettura chiara e semplice degli oggetti.

condividi :
L’ORATORIO INTESO COME RIQUALIFICAZIONE TERRITORIALE
28/10/2013
La forza dell’esempio
14/02/2008