PENSARE

ASILO NIDO E SCUOLA MATERNA

Il progetto relativo alla creazione del Polo per l’Infanzia a Roncofreddo (FC) si estende su un’area di circa 10650 mq. L’intervento è caratterizzato dalla presenza di due corpi di edifici in cui sono localizzate l’Asilo Nido e la Scuola Materna, collegati da un corpo trasversale in cui sono localizzati gli spazi e i servizi comuni. L’asilo e la Scuola sono stati posti a quote differenti, in modo da realizzare uno sviluppo del Polo di Infanzia, che possiamo definire “a terrazze”. Tale soluzione progettuale consente di ridurre al minimo interventi invasivi sul fronte collinare e quindi anche i movimenti terra di scavo/riporto. L’edificio trasversale che collega l’Asilo e la Scuola, consente l’accesso e il collegamento ai vari piani. Il Polo per l’Infanzia è così suddiviso: Asilo nido, scuola materna, spazi e servizi comuni.La localizzazione degli edifici, ha dovuto tener fortemente in conto, oltre che delle indicazioni fornite dal vigente PRG del Comune di Roncofreddo, anche dell’orografia e dell’orientamento del sito. Le scelte progettuali hanno favorito la creazione di spazi che sfruttano al meglio l’esposizione solare, sia in termini di guadagno diretto nel periodo invernale, che per la ventilazione naturale degli ambienti e per l’illuminazione diretta, il tutto cercando di disporre spazi ed edifici secondo l’andamento naturale del fronte collinare. Gli edifici disposti planimetricamente lungo il profilo ad U, prevedono l’utilizzo di coperture con travi in legno lamellare dalle caratteristiche forme curve, che riprendono l’andamento curvilineo del fronte collinare.Gli Spazi comuni localizzati prevalentemente in corrispondenza dell’edificio che collega l’asilo nido alla scuola materna, si sviluppano essenzialmente su due piani. Sono presenti due accessi differenziati per i due edifici, sul fronte Nord-Est, con adeguati spazi di accoglienza per i genitori, i bambini e gli insegnanti quali, atrio, sala accoglienza genitori e biblioteca, spogliatoi per bambini, sala comune, sala insegnanti e Centro giochi. In corrispondenza degli accessi sono presenti inoltre servizi per disabili. L’Asilo nido prevede tre sezioni suddivise rispettivamente per i lattanti, i semidivezzi e i divezzi, idonee ad ospitare un numero massimo di 52 bambini, di età compresa tra i 0 e i 3 anni.

IL COLORE. FONDAMENTALE NELLO SVILUPPO DEL PROGETTO.

Nell’organizzazione degli spazi è stata prevista una zona di mediazione tra interno ed esterno per l’ingresso e l’uscita dei bambini, l’accettazione e lo spogliatoio. I vari spazi di collegamento e di gioco sono stati organizzati come spazi per attività finalizzate alla stimolazione senso-motoria dei gruppi. Le tre sezioni dell’asilo nido, sono state organizzate individuando una zona soggiorno, protetta e con ampie finestrature che danno sull’esterno, con zona letto/dormitorio e zona di igienepulizia/ bagno. La Scuola Materna suddivisa in 3 sezioni è stata dimensionata per ospitare un massimo di 84 bambini. Le tre sezioni sono complete di: aula, servizi igienici, spogliatoio e ripostiglio. Nello specifico la quasi totalità delle soluzioni costruttive utilizzate per la realizzazione dell’edificio si basano sull’utilizzo di sistemi modulari e prefabbricabili, caratterizzati da un montaggio “a secco”, in cui si garantisce una notevole diminuzione dei tempi di realizzazione e un maggior controllo delle fasi di esecuzione.Per quanto riguarda mentre i materiali utilizzati, l’attenzione si è posta sull’utilizzo di materiali naturali e sostenibili Le scelte impiantistiche adottate nel progetto prevedono l’utilizzo di sistemi volti al risparmio energetico, al recupero delle risorse e più in generale ad un limitazione degli sprechi e degli inquinamenti ambientali.

UNA SCUOLA A BASSO IMPATTO ABIENTALE

condividi :
In un casale del Settecento
01/09/2005
Giovanni Corbellini
11/09/2006