FARE

Sospesa su pareti trasparenti

La bellezza di questa architettura deve molto alla contrapposizione di due volumi semplici proporzionali.

Questa costruzione dichiaratmente razionalista che richiama le ville su pilastri cilindrici di Le Corbusier, sorge in una zona residenziale di Figueres, internazionalmente nota per il Museo Dalì. All’intorno sorgono molte ville e per ragioni di privacy occorreva proteggersi dalla vista dei vicini. L’autrice del progetto, Misé Coll, vi è riuscita chiudendo parzialmente la vista su strada e aprendo grandi finestre verso il giardino e la piscina, dove ha costruito un gazebo in muratura che mette in comunicazione l’interno con questo ambiente protetto dove si pranza, si conversa e ci si rilassa su un amaca.

Le forme dell’involucro architettonico sono semplici: un parallelepipedo bianco, purissimo, poggiato su sottili pareti di vetro che lo fanno sembrare sospeso nello spazio, e un altro parallelepipedo foderato di legno scuro utilizzato come spazio intermedio. Ma il progetto è un esercizio costruttivo complesso dove le ragioni estetiche si armonizzano con intenti funzionali e di risparmio energetico. La struttura metallica, la copertura leggera, la facciata ventilata e le separazioni in cartongesso perseguono un importante concetto di biosostenibilità.

Questa architettura neorazionalista, se paragonata a quelle “razionali” realizzate negli anni ‘20 e ‘30, risulta simile negli esterni ma meno caratterizzata negli interni, forse per un’eccessiva riduzione delle forme a un unico modulo, il parallelepipedo; mentre i mobili dei pionieri erano decisamente più espressivi.

Mentre all’esterno, con i due volumi sovrapposti a “L”, l’edificio risulta bilanciato e nitido, all’interno è caratterizzato dall’ampia luminosità di spazi fluidi e da grandi varchi con porte in legno a listoni di colori diversi. Più che di porte si tratta di pannelli scorrevoli in cui l’alternanza cromatica dei legni accentua il contrasto con le pareti chiare e crea un deciso valore estetico. I mobili sono disegnati dagli stessi progettisti ed è  particolarmente significativo il contenitore per audiovisivi che si presenta come un camino futuribile nel centro ottico di attenzione del soggiorno. La libreria è una parete con scaffali che si erge per i due piani della casa, occultando la scala che li mette in comunicazione. La parete Sud è totalmente vetrata ed è schermata da un frangisole esterno “alla veneziana” per difendersi dal sole diretto che nella bella stagione può risultare eccessivo.Molto razionale la cucina con isola centrale e mobili squadrati e minimalisti. In tutto l’edificio vi è un gioco d’inversioni: il legno scuro viene usato per rivestire il volume basso a gazebo, mentre i pannelli in cemento prefabbricato compongono la parte superiore della casa; inoltre le pareti bianche opache risultano leggere e luminose, mentre le porte scorrevoli composte di varie essenze suggeriscono una maggiore gravità. La parte superiore dell’edificio, dedicata alla zona notte, segue anch’essa la logica della fluidità spaziale, dove le grandi aperture fungono da divisione e da raccordo. Nella parte superiore vi sono le stanze dei bambini, con mobili divertenti in rosa e azzurro baby arricchiti di decorazioni fiabesche, mentre la suite notte degli adulti è caratterizzata da lavabi che non si nascondono e da una vasca da bagno non protetta da pareti ma in bella vista.Centralità del progetto: un esterno di forme geometriche semplici diviso in due blocchi che s’incastrano a “L”. Un interno dove lo spazio aperto permette di leggere i volumi dell’involucro architettonico.
Innovazione: i divisori in cartongesso, la struttura metallica, gli elementi serializzati al servizio di una costante semplificazione delle forme.
Uso dei materiali: i pavimenti sono in legno di vario tipo sia nella zona giorno sia nella zona notte. Il soggiorno è dominato da grandi porte scorrevoli composte da strisce di legni molto diversi.
Nuove tecnologie: l’utilizzo di elementi prefabbricati integrati nel progetto. Facciata ventilata naturalmente con frangisole regolabili.

condividi :
Indirizzi
09/06/2008
Il fascino dell’architettura e l’estetica del paesaggio
15/09/2010