ARCHITETTURA

Ecomondo. Il Greenpallet, alla base degli arredi sostenibili.

Palm, azienda leader nella produzione di pallet proveniente da foreste gestite in modo responsabile, sarà presente con i suoi ecoarredi a Ecomondo, dal 9 al 12 novembre 2011, Rimini Fiera, manifestazione dedicata al Recupero delle Materie Prime ed Energia e dello Sviluppo Sostenibile.
Un evento che occuperà l’intero quartiere fieristico riminese, con 1200 imprese presenti, a rappresentare le punte di diamante delle attività produttive impegnate nel ciclo del corretto uso di aria, acqua, energia e risorse naturali, non poteva mancare un’azienda che, da anni, ha incentrato il proprio business nella produzione di pallet da foreste locali, certificate e gestite in modo responsabile, rispettando i principi dell’Analisi del ciclo di vita.
Solo in questo modo infatti si può produrre preoccupandosi dell’impatto che un prodotto avrà lungo l’intero ciclo di vita e monitorando l’impronta ecologica di filiera.
A Ecomondo, sarà quindi presente in vari spazi e convegni anche Palm, l’azienda mantovana leader nella produzione di Greenpallet, che con i suoi prodotti a basso impatto, in tre anni, ha costruito un sistema in grado di ridurre le proprie emissioni di CO2 el 23%.

Nell’area Città Sostenibile di Ecomondo, Palm avrà uno spazio riservato nello stand istituzionale di AssoSCAI, associazione per lo sviluppo della competitività ambientale d’impresa. Il contributo di Palm si vedrà anche negli stand a ridotto impatto ambientale di due realtà centrali nel panorama della green economy italiana come Slow Food e Novamont. Entrambi gli stand, grazie alla loro isomodularità, sono stati riutilizzati in più eventi fieristici; a dimostrazione che con Palm Design è possibile contribuire a ridurre l’impatto ambientale degli eventi ed eliminare il concetto di rifiuto.
Nello spazio Gusto e Dibattiti (stand 022 – Area Città Sostenibile – Padiglione D1) inoltre, i visitatori potranno scoprire l’originalità di un altro prodotto di Palm Design, i minipallet: utili sottobicchieri realizzati in collaborazione con i detenuti del carcere di Milano Bollate, soci della cooperativa ESTIA, che saranno usati per degustare gli ottimi vini offerti durante la presentazione del progetto di alleanza tra chef e presidi Slow Food. Un modo per unire le produzioni a basso impatto ambientali con l’impegno sociale, offrendo una possibilità lavorativa alle persone svantaggiate. I minipallet sono un innovativo oggetto di design multiuso, nati dall’ottimizzazione degli scarti del Greenpallet sano, sistemico etico, per promuovere le 4R della Responsabilità: sociale, ambientale, economica, e una tracciabilità completa dalla vigna alla tavola.
Il 10 novembre alle 16.30, infine, nell’area allestita da Slow Food al Padiglione D1, l’amministratore delegato di Palm Primo Barzoni interverrà al convegno “I fornitori green per gli eventi sostenibili”. Obiettivo: raccontare come è nata la linea di ecoarredi Palm Design, come si possono sostenere le aziende responsabili anche nell’allestimento a ridotto impatto ambientale durante eventi, fiere, workshop, ma anche nel retail e nei negozi.
L’obiettivo della linea Palm Design è realizzare arredi innovativi utilizzando materiali che comunicano anche un messaggio di sostenibilità: I consumatori italiani stanno colmando il gap che li divide dai loro concittadini europei, spiega Primo Barzoni, amministratore delegato di Palm. La loro sensibilità verso i temi dell’ecologia sta crescendo a vista d’occhio e pongono sempre maggiore attenzione all’acquisto di prodotti che siano caratterizzati da un’elevata sostenibilità ambientale. Il nostro Greenpallet, che, rispetto ad altri materiali, permette di abbattere sensibilmente le emissioni, diventa così simbolo della necessità di tracciare tutte le fasi della filiera che dal bosco porta ai prodotti finito. In questo modo, con i nostri ecoarredi, dimostriamo concretamente la possibilità di fare impresa e di creare posti di lavoro investendo sul chilometro zero, sull’uso intelligente dell’enorme patrimonio boschivo italiano e dimezzando al tempo stesso le emissioni di CO2. Ecomondo è un’occasione d’oro per intercettare una domanda di cambiamento sempre più diffusa tra gli italiani.
condividi :
MILANO CITTÀ EUROPEA
01/03/2010
Marco Peticca
19/06/2007