FARE

Divise e vincenti


I progetti di casa felice

Ristrutturare non soltanto per rimodernare, ma anche, come in questo caso, per dividere ampi appartamenti, tipici di epoche passate, in nuove unità abitative sfruttate razionalmente e più adeguate alle mutate esigenze di vita dei nostri giorni. Due soluzioni diverse tra cui scegliere che testimoniano il riflesso dei cambiamenti sociali in una disciplina come l’architettura.

Quanto costa oggi farsi una casa?
Tanto o poco, dipende da molti fattori, per esempio dove si trova e quanto è grande. Le misure della superficie sono sicuramente uno dei problemi principali soprattutto oggi che tanto si sente il problema della mancanza di spazio e che sempre più prepotentemente prendono il sopravvento nuove abitudini di vita. Capita sempre più spesso che ci si debba adattare a vivere in pochi metri quadrati e per questo diventa indispensabile trovare soluzioni soddisfacenti, approfittando al massimo di tutte le risorse disponibili. Ne è un esempio abbastanza frequente la vecchia ma grande casa dei genitori che oggi può non risultare più tanto pratica proprio per le sue ampie dimensioni. Prendiamo dunque
in considerazione questo tipo di problema proponendo due possibili soluzioni di ristrutturazione finalizzate allo scopo di ricavare due appartamenti da uno solo di ampia metratura. La pianta di partenza è composta da doppio ingresso, da un soggiorno, zona pranzo, cucina abitabile, lavanderia, tre camere da letto, doppi servizi disposti lungo il corridoio e alcuni balconi: un appartamento di notevoli dimensioni, caratterizzato da una buona distribuzione degli ambienti ma non adatto alle nuove esigenze dei proprietari.

In Edicola
In Edicola

La prima proposta di ristrutturazione è sicuramente la più semplice; non prevede, infatti, di utilizzare il volume del sottotetto ma si limita a ridistribuire lo spazio a disposizione secondo le nuove esigenze.
Qui lo spazio è stato sfruttato al massimo evitando inutili sprechi di superficie utili e razionalizzando al massimo l’arredamento dei percorsi. L’ingresso porta direttamente nel soggiorno che si apre sulla cucina abitabile e sulla zona notte, composta dalla camera da letto e dal bagno. Collega i due ambienti della zona notte un corridoio le cui dimensioni ridotte al minimo permettono di guadagnare la prima soluzione spazio dove più occorre. In un angolo della
zona giorno è stato ricavato un utile ripostiglio che, tagliato con un’inclinazione di 45°, smussa gli angoli di alcune pareti, caratterizzando e collegando con particolare fluidità i vari ambienti di questo accogliente miniappartamento.
Un comodo terrazzo, arredato e ambientato per essere utilizzato come complemento agli ambienti interni, lo completa, conferendogli un senso di maggiore ampiezza e garantendo una buona illuminazione naturale.

Il secondo intervento prevede invece di incorporare nella ristrutturazione una superficie mansardata, sovrastante una parte della vecchia casa, in modo da ottenere un appartamento normale ed uno su due livelli. Innanzitutto sono stati
rispettati i due ingressi, tramite i quali si accede indipendentemente alle due unità e si è costruito il muro che divide, ottenendo due distinti appartamenti di circa 70 e 90 mq. Nell’appartamento disposto su un unico piano sono state eliminate alcune pareti ed è stata studiata una distribuzione semplice e gradevole in cui la zona soggiornopranzo diventa il perno attorno al quale si sviluppa tutta la casa. La cucina è abitabile ed è stata pensata in modo da permettere ai proprietari di consumarvi veloci colazioni. Anche il terrazzo è stato rivalutato e adattato in modo
da permettere uno sfogo sia alla cucina che al soggiorno.

La camera da letto e uno dei due bagni sono stati mantenuti inalterati, mentre un utile ripostiglio è stato ricavato dall’altro bagno. Per l’appartamento disposto su due piani è stata studiata una disposizione degli spazi funzionali e gradevole ma più articolata in quanto per guadagnare volume è stato recuperato lo spazio posto sotto il colmo del tetto. La scelta di materiali semplici e naturali (come il legno delle travi) ha reso questa abitazione particolarmente calda ed accogliente. L’appartamento ruota attorno al soppalco aperto sul salone. Il soggiorno, quasi quadrato, è dominato da un camino. Tutta la casa, tranne i locali di servizio e la cucina, ha pavimenti in parquet rovere posato in diagonale: un dettaglio che tende ad allargare ulteriormente l’ambiente.

In Edicola

Nella foto il camino “Bilbao”realizzato in pietra bianca bocciardata lavorata a listoni con piano in marmo Bianco
Mediterraneo lucido. Singolare la presenza ai due lati di due lampade in vetro satinato. Palazzetti

condividi :
Stile e tecnologia
15/06/2012
Bianche colonne
15/02/2007