ARCHITETTURA FARE PENSARE

Dietro le quinte in una villa catalana


NELLA MEDITERRANEA CATALOGNA UN PROGETTISTA HA REALIZZATO UNA VILLA DALLE FORME GEOMETRICHE PURE, DOVE IL RIGORE DEI VOLUMI E’ SMORZATO DAL RIVESTIMENTO ESTERNO NELLA CALDA TONALITÀ DELLA TERRA DEL DESERTO.
Villa in Spagna nei pressi di Barcellona. Progetto architetto Josep Zazurca Codola Styling Meritxell Melgar. Testo di Chiara Naldini Foto di Emilio Rodriguez Ferrer

Due proprietari di questa villa che si trova in Spagna, nei pressi di Barcellona, desideravano vivere in un’abitazione dalle forme pure, caratterizzata da linee geometriche ben definite. L’architetto a cui è stato affidato il progetto si è scontrato inevitabilmente con il problema di dover adattare la casa alla forte pendenza del terreno e con la necessità di risolvere in modo coerente il volume esterno dell’edificio. Il risultato è stata la realizzazione di una villa che si sviluppa in alzato con un visibile effetto geometrico e di forte verticalità, interrotta esclusivamente dall’aggetto del grande portico che le conferisce un accento di orizzontalità e crea al contempo un doppio gioco di volumi. La sensazione è quella di trovarsi di fronte ad una casa dai tratti quasi scultorei ed estremamente lineari, interamente intonacata nel caldo colore della terra del deserto, tipico di questi luoghi e caratterizzata da un portico che diventa il prolungamento ideale della casa stessa. Alla struttura particolarmente compatta dell’esterno corrisponde una precisa articolazione degli spazi interni, in cui si alternano scale in legno ed alluminio, quinte murarie, grandi aperture scorrevoli e giochi di soppalchi. Comprare una libreria che si possa adattare alle nostre esigenze significa avere la possibilità di scegliere tra moltissime soluzioni differenti e adatte ad ogni spazio abitativo. Quando i libri sono tanti si può ricorrere ad una libreria unica da comporre usando moduli in serie, se occorre invece creare due zone distinte nel soggiorno la scelta migliore è quella di una libreria senza schienale che evita di costruire un muro e lascia passare la luce. Per uno studio si può pensare a ripiani che si agganciano a supporti a cremagliera fissati al muro poco ingombranti e facili da spostare.

Nella foto a sinistra, uno scorcio della casa visibile da una porta secondaria lungo una cortina che circonda tutta l’abitazione. Nelle foto piccole, una vista della facciata posteriore con la struttura in alluminio grigio scuro delle vetrate e del parapetto esterno; a fianco una vista dello studio.

Abitazione al suo interno si movimenta, risente dell’idea di open space, di spazi fluidi e continui che si intersecano tra loro pur mantenendo intatta la loro autonomia. Sulla facciata che guarda verso la vallata retrostante l’ingresso principale, grandi vetrate si aprono sul soggiorno, sulla zona notte e sui locali dello studio, come se si volesse sfruttare il più possibile la meravigliosa luce del sole della Catalogna. Al centro dell’abitazione il progettista ha posto il vano scala, che collega i tre piani dell’edificio, inserendovi una scala volutamente realizzata con una struttura metallica molto leggera, senza alzate e con semplici pedate in legno. Questa soluzione ha consentito un allargamento visuale dallo spazio verso l’esterno e un effetto prospettico molto scenografico. Dal soggiorno si scende al piano inferiore dove si trova lo studio articolato in due zone distinte: quella per gli intrattenimenti e quella più propriamente operativa. Quest’ultima ha tutte le caratteristiche di uno studio professionale: un grande tavolo in legno retto da cavalletti d’acciaio e una libreria realizzata con una scarna struttura metallica fissata a parete, alla quale si agganciano i piani in acciaio e i contenitori in alluminio. Quale libreria potrebbe essere migliore di questa che riesce a contrastare la massa dei libri che sorregge con la struttura più leggera possibile? L‘ Alato: uno scorcio della zona pranzo quasi nascosta da queste quinte murarie dalle tonalità calde ed articolate nella loro disposizione. Qui sopra, vedute dell’interno in cui risalta la rigorosa geometria della struttura architettonica accostata sapientemente a materiali come il legno e l’alluminio verniciato.

 

condividi :
Bauen: assoluta purezza e trasparenza dell’acqua
03/07/2006
Tra tecnologia e tradizione
28/07/2008