ARCHITETTURA

LA MATERIA PRIMA DELLA FORMA

Il rischio nel design è di eccedere nell’attenzione alla forma. Casa Oggi, seguendo la filosofia che da sempre la ispira, accoglie le suggestioni che giungono dal mondo della tecnologia: per riflettere col lettore sulla qualità degli oggetti. Che il dialogo tra designer e fruitori del design sia conscio di quanto a fondo gli oggetti modificano l’ambiente. Ci aiuta in questa riflessione il Prof. Alberto Cigada, ordinario di scienza e tecnologia dei materiali al Politecnico di Milano, che si occupa tra l’altro del trasferimento delle nanotecnologie al mondo del design e dell’architettura degli interni: ritrovati della ricerca si traducono in materiali che rendono la vita migliore e offrono lo spunto perché il design proponga oggetti e ambienti sempre più consoni all’abitare e al lavorare. Uno dei temi oggi più sentiti riguarda la salubrità degli ambienti: “Luoghi aerati con circolazione forzata – spiega Cigada – possono essere resi più salubri”. Com’è noto i filtri che si usano negli “split” dei condizionatori o nelle cappe di cucina a riciclo, possono alla lunga I divenire diffusori di batteri. Per questo “è importante che non abbiano solo la funzione meccanica di catturare i microorganismi, ma anche una funzione attivamente antibatterica, ottenibile per esempio usando il chitosano, una sostanza di origine naturale sicura ed ecologica. “È solo un esempio…” riferisce Cigada. “E alla salubrità si uniscono nuove potenzialità di design.
“Il biossido di titanio (TIO2) ha proprietà fotocatalitiche: sotto i raggi UV attiva la fotocatalisi, che riduce il particolato e può contrastare i fumi in un ambiente confinato. Una pellicola di TIO2 sulle pareti di una lampada può ripulire il flusso d’aria facilmente attivabile con una mini ventola da computer. Ed ecco che la fonte di luce diventa anche sistema per ripulire l’ambiente dai fumi”. Designer sensibili agli stimoli tecnologici potranno rivestire di fantasia nuove famiglie di lampade-depuratrici. Prodotti di nanotecnologie come il TIO2 diventano occasione di stimoli creativi. Sono “materie prime” che ispirano nuove forme. Verso case veramente “ecosostenibili”.

PROF. ALBERTO CIGADA
PROFESSORE ORDINARIO DI SCIENZA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI PRESSO IL POLITECNICO DI MILANO, DIPARTIMENTO DI CHIMICA, MATERIALI E INGEGNERIA CHIMICA “GIULIO NATTA”. RICOPRE O HA RICOPERTO LE SEGUENTI CARICHE: RESIDENTE DELLA ASSOCIAZIONE ITALIANA DI INGEGNERIA DEI MATERIALI (AIMAT), PRESIDENTE DEL CONSIGLIO SCIENTIFICO E RESPONSABILE PER IL TRASFERIMENTO TECNOLOGICO DEL CONSORZIO INSTM, MEMBRO DEL CONSIGLIO SCIENTIFICO GENERALE DEL CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE DAL 2010 AL 2012, MEMBRO DEL SENATO ACCADEMICO DEL POLITECNICO DI MILANO DAL 2008 AL 2011, DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI CHIMICA FISICA APPLICATA DAL 1998 AL 2000 E DEL DIPARTIMENTO DI CHIMICA, MATERIALI E INGEGNERIA CHIMICA “GIULIO NATTA” DEL POLITECNICO DI MILANO DAL 2001 AL 2007, EDITOR-IN-CHIEF DELLA RIVISTA JOURNAL OF APPLIED BIOMATERIALS & FUNCTIONAL MATERIALS, AUTORE DI PIÙ DI 200 LAVORI SCIENTIFICI E SVARIATI LIBRI.

Scelta di benessere
http://pro.dibaio.com/ravelligroup-2012

condividi :
Progetto caminoIl fuoco passante
30/11/2005
Museo di S.Marco a Venezia
31/07/2005