ARCHITETTURA FARE

Dal tetto al pavimento,

Qualcosa che dura, che è stato sperimentato nei secoli, e oggi ancora consente di ottenere composizioni di valore estetico per definire esterni gradevoli e ricchi di risonanze.

Il modo di camminare dipende principalmente dalle scarpe, ma non solo. Ci sono strade dove passeggiare è un piacere, altre dove è una vera e propria sofferenza. Chi ha provato a camminare molto, sa che c’è un gusto particolare nell’andare su una strada pavimentata in cotto. La superficie è regolare ma uniforme.

Nelle foto: Può pavimentare una strada o un vialetto tra l’erba nel giardino di casa. Può avere il colore della terra, in tutte le sue variazioni rosso scuro. Può coprire i tetti a falde. Il cotto, materiale terrigno, reca in sé il sapore della casa, in ogni sua manifestazione. L’unione di tradizione e tecnologia consente di ottenere oggi i risultati migliori. Materiali
sperimentati, reinterpretati secondo il gusto contemporaneo. E’ quanto realizza Cotto Cusimano nelle sue produzioni,
dalle tegole agli elementi per le pavimentazioni.

L’insieme degli elementi si presenta con una tessitura ben caratterizzata; dà un senso di solidità, di continuità e di variazione allo stesso tempo. Oltre al piacevole ricordo delle antiche pavimentazioni in cotto. Per cui, che c’è di meglio per pavimentare una piazza pubblica o un patio domestico, un vialetto d’ingresso o un porticato?

Il cotto nella storia

I materiali tradizionali – legno, pietra, cotto – nella storia sono stati legati a specifiche
zone geografiche. I costruttori un tempo usavano quel che reperivano vicino al sito
di edificazione. Tra quei materiali il primo che si è diffuso con una certa uniformità
nelle più diverse aree è stato il mattone, l’argilla cotta.

Perché l’argilla è reperibile in vari luoghi, ma soprattutto perché mattoni e coppi sono facilmente trasportabili,
accatastabili, maneggevoli. La misura dell’elemento in cotto è la mano dell’uomo. Come tessere di un mosaico, i mattoni si posano secondo un disegno, che diventa a volte espressione d’arte.

Oggi le varietà di cotto disponibili sono assai ampie. Vi sono elementi in cotto colorato che consentono composizioni di grande impatto estetico, che aggiungono una nota di colore e di allegria, perfettamente in linea con la tradizione
mediterranea. Il cotto è un ponte, tra presente e futuro; un tempo realizzato solo a mano, oggi è prodotto con tecniche sofisticate che garantiscono qualità diffusa, durata nel tempo e alta resistenza. Il cotto racconta una storia sempre
attuale.

condividi :
Ambient
06/09/2005
L’arredamento di montagna si mostra
03/05/2011