ARCHITETTURA

Coperture e consigli tecnici

Coppi e tegole in cotto che accolgono la tecnologia fotovoltaica e mantengono le proprietà di volano termico e quelle dei canali di deflusso. Si ottengono 1,00 kWp di potenza con 17 mq di copertura. Il sistema si può integrare in una copertura esistente. L’installazione di un diodo di by-pass rende il sistema esente dai problemi creati dagli ombreggiamenti. Il canale di ventilazione tra il modulo PV e l’elemento in cotto rende il sistema meno sensibile alle alte temperature, per un maggior rendimento. Le stringhe sono monitorabili via wireless grazie al display da tavolo. (Industrie Cotto Possagno).

APPROFONDIMENTO
Punta il tuo smartphone oppure digita il linkpro seguito dalla stringa chiave
Es: http://pro.dibaio.com/coppo-fotovoltaicoTegolasolare è realizzata in materiale ceramico e ospita un pannello fotovoltaico.
Il BIPV (Building integrated Photovoltaics) fruisce di notevoli incentivi: gli impianti entrati in funzione dal gennaio del 2012 godono di 20 anni di tariffe incentivo, quasi raddoppiate rispetto a quelle riservate al fotovoltaico tradizionale posato su falda. Tegolasolare con 45 mq di tetto produce 3 kWp di energia. (Area Industrie Ceramiche).
*/tegola-solareLe Tegole di Vetro vengono utilizzate in modo tradizionale per la realizzazione di punti luce nei sottotetti e per giardini d’inverno, tettoie e verande, in alternanza con le tegole in cotto, permettendo l’illuminazione naturale degli interni.
L’utilizzo si è esteso oggi alla protezione dei pannelli solari termici, che possono essere così installati all’interno della struttura del tetto mantenendo la continuità in superficie: le tegole in vetro, poste sopra i pannelli, li proteggono, isolano e nascondono, permettendone l’utilizzo anche in zone protette dalle soprintendenze, dove siano vietati
gl’interventi che modifichino l’aspetto esteriore degli edifici. (Vetro Expo).
*/tegola-vetro.Gli edifici sottoposti a interventi di conservazione o ristrutturazione devono essere dotati di sistemi anticaduta secondo il Testo Unico della Sicurezza D.Lgs. 81/2008. Sulla copertura del Santuario di San Camillo De Lellis di Milano, che vediamo nelle foto, sono stati collocati punti di ancoraggio e linee flessibili: questi sistemi, che devono essere marchiati CE e da Ente certificato, hanno un utilizzo semplice e intuitivo e consentono ai lavoratori di rimanere sempre agganciati. (Sicurezza Tetti). */sicurezza-tetti.25-29 settembre Bologna
http://pro.dibaio.com/cersaie-fiera

condividi :
I tanti volti di una piscina
08/03/2007
“Alle Soprintendenze si chiede sensibilità verso le esigenzedel culto”
24/07/2006