ARCHITETTURA FARE

Un Premio per la ceramica

Un Premio per la ceramica

Il Grand Prix, concorso di architettura internazionale giunto alla sua sesta edizione, vede vincitore quest’anno una chiesa francese. Si tratta di una ristrutturazione realizzata dal Cabinet d’Architecture Otton, Sanchez, Loïez. Nella semplicità delle linee, gli attenti accostamenti cromatici dei rivestimenti interni diventano capaci di notevole espressività. Intervento architettonico chiaro e deciso, che interpreta con coerenza compositiva e leggerezza formale la complessità del tema progettuale proposto: così recita il commento della Giuria che ha assegnato il Primo Premio del “Grand Prix 2002>2004” alla ristrutturazione della Chiesa francese di Annoeullin, realizzata nel 2003 dal Cabinet d’Architecture Otton, Sanchez, Loïez. Un premio molto particolare, questo “Grand Prix”, nato nel 1990 per iniziativa di Casalgrande Padana, una realtà produttiva di primo piano a livello internazionale nel settore ceramico, da sempre particolarmente

sensibile e attenta ai fenomeni di evoluzione e innovazione che interessano il panorama architettonico internazionale.

La finalità prioritaria dell’iniziativa è di selezionare e premiare, con cadenza biennale, le realizzazioni più significative che, nei vari campi dell’’edilizia, meglio hanno saputo valorizzare le proprietà tecniche e le potenzialità espressive degli elementi in grès porcellanato Granitogres, Marmogres, Pietre Native e Padana Piscine. Materiali ceramici evoluti caratterizzati da elevati livelli prestazionali in ambito fisico-chimico e da notevoli qualità estetiche. Frutto di una ricerca continua, questi materiali possono essere utilizzati per pavimentazioni interne ed esterne, con ampie possibilità creative attraverso una grande varietà di colori, superfici formati e decori che consentono soluzioni compositive sempre nuove. La Giuria del Grand Prix è presieduta da Franco Manfredini, che dirige Casalgrande Padana, ed è composta da architetti provenienti da tutta Europa.
Vista esterna del complesso:
il nuovo e l’antico.

La sesta edizione del concorso ha visto la partecipazione di oltre 150 progettisti provenienti da diversi paesi del mondo, con proposte di elevato livello qualitativo, a testimonianza della crescente diffusione e valorizzazione del materiale ceramico in architettura. Nel motivare l’assegnazione del Primo Premio, la Giuria sottolinea anche “l’equilibrio raggiunto nella definizione della spazialità tra l’involucro e il pavimento, brillantemente risolto con l’impiego corretto e discreto della ceramica”.

Le vetrate verticali assicurano una luminosità diffusa.
Risalta la bicromia del rivestimento interno.

La leggera trama geometrica disegnata dalla disposizione degli elementi ceramici consente una qualità luministica particolare all’ambiente interno della chiesa. Il deciso stacco cromatico che si realizza tra pavimento e pareti assume una qualità espressiva particolare: dalla gravità del suolo alla leggerezza della luce. L’edificio nuovo, annesso a quello preesistente, assolve pienamente alla funzione di aula ecclesiale, mentre si mantiene una autonomia distributiva e quindi anche l’identità architettonica dei due edifici. Si tratta quindi di un esempio significativo di rispettoso completamento reciproco tra il nuovo e l’antico.

 

condividi :
Leggerezza luce e colore
31/07/2007
Oasi domestiche tra acqua e verde
30/07/2007