FARE

Ceramica: nuove superfici

La rivoluzione tecnologica ha cambiato totalmente il panorama delle pavimentazioni e dei rivestimenti in ceramica. In particolare il grès porcellanato si è trasformato in una superficie duttile capace di riprodurre con grande fedeltà i materiali naturali, sia nelle texture sia nei colori. Non solo i marmi più pregiati e le pietre più diverse, dall’ardesia alla pietra di Luserna alle pietre laviche, ma anche i mattoni a vista, il cemento, e il legno con le sue inconfondibili venature. La resa estetica è identica così come è ugualmente piacevole il contatto con le superfici… ma con le doti superiori del grès (eccezionale resistenza a flessione, abrasione, calpestio, bassissimo assorbimento d’acqua, grandissima facilità di posa e di manutenzione) che lo rendono perfetto per ogni soluzione domestica e commerciale. Il segreto è nell’atomizzazione finissima e nella colorazione in massa, controllate da computer. 

APPROFONDIMENTO
Usa il link pro: aggiungi la stringa chiave e scopri gli approfondimenti: 

1. “Terra” è un progetto che dalla materia, semplice e malleabile, riesce a far riaffiorare il suo potenziale creativo, Casa Dolce Casa.
2. Sempre diverse come la pietra naturale, le superfici di “Les Dalles Des Châteaux” offrono grande libertà compositiva, Ricchetti
3. Disponibile in nove varianti cromatiche, “Warmstones” è la soluzione ideale per ambienti residenziali rifiniti in maniera elegante e caratterizzati dalla ritmica alternanza di linee, Tagina.
4. “Maxxi” è un progetto ceramico che unisce stile e prestazioni tecniche eccezionali, formati su misure extra large e cinque sfumature calde per innovativi schemi di posa, Unicom Starker.

5. “Trend Stone”, grès porcellanato colorato in massa e decorato, si ispira alla naturalezza delle pietre nelle texture e nelle tonalità calde, Cedir.
6. Eleganti colorazioni contemporanee nella superficie opaca e nella nuova versione gloss: è “Architecture”, Casalgrande Padana.
7. “Rockstyle” in grès porcellanato riproduce in modo perfetto la pietra naturale ed è ideale per rivestire e decorare le pareti, Fiordo.
8. “Lignum” è una collezione in grès porcellanato che riprende i colori e la struttura del legno in 8 essenze, La Fabbrica.
9. Ispirata all’ardesia, riproduce le sfumature cromatiche e le suggestioni tattili della materia originaria: è “Slate”, Cerdomus.
10. “FapNatura” in grès porcellanato riproduce la bellezza del marmo cui affianca “tappeti” con decori che si ispirano all’oriente, FAP.

Innovazione: la riproduzione perfetta delle texture dei materiali.

11. “Resine”, coniuga l’estetica versatile delle superfici più ricercate con la tecnologia performante del grès porcellanato, Edimax.
12.Aspetto morbido per “Royal Stone”. Nuance Pierre Bleue, Monocibec.
13. Ricorda i mattoni a vista il rivestimento “Underground”di CIR.
14. “Le Ardesie” riproduce perfettamente la pietra omonima, Phorma.
15. “Pierre des alpes” coniugano resistenza e funzionalità, Area Industrie.
16. Struttura effetto legno per “Nature” spazzolata, Sant’Agostino.
17. “Metropol” ha una superficie cemento molto naturale, Fioranese.

La decorazione ritrova le forme della tradizione e del design.

18. In “Flame” la naturalità della pietra è rivisitata in chiave moderna attraverso la molteplicità dei colori e della grafica, Majorca.
19. Texture ispirata alle pietre laviche per “LandStone”, Cipa Gres.
20. La texture di “Flow” esalta le tracce della colata negli stampi, Mutina.
21. Riproduce la bellezza del legno “Wood Crystal Ker”, Garfloor.
22. “Luserna” è un grès porcellanato in doppia pressatura, Fondovalle.
23. “Fiori Grandi” è il tema delle ceramiche vietresi, Francesco De Maio.
24. Platino e oro per le serigrafie “Soli e Lune” di Fornasetti, Bardelli.
Il marchio di eccellenza riconosciuto ovunque nel mondo.
http://pro.dibaio.com/ceramica-italianaMobili tirolesi
http://pro.dibaio.com/mocellin_arredamentiSALONE INTERNAZIONALE DELLA CERAMICA PER L’ARCHITETTURA E DELL’ARREDOBAGNO
http://pro.dibaio.com/cersaie-fiera

condividi :
Reinventare la tradizione: la stufa Tirolese passante
27/09/2005
“Effetto loft” in un edificio anni ’50
03/10/2007