ARCHITETTURA FARE PENSARE

Case di Campagna

Questa masìa catalana ha l’aspetto di un castelletto con volumi asimmetrici e ampie arcate luminose. Era una “vivienda” rurale, un’abitazione agricola tipica della zona che per differenziarsi dalle tradizionali e più piccole residenze
contadine veniva chiamata “casa Pairales”. Un luogo immerso nella campagna mediterranea.

Quando la decoratrice spagnola Nicole Blanc ha visto per la prima volta questa masìa di pietra, il suo pensiero non si è fermato sulla struttura degradata e abbandonata da anni ma è andata oltre. Per una donna dalla grande carica
creativa, la possibilità di intervenire sull’architettura esistente modificandola con un’impronta personale rappresentava un grosso stimolo. Così avvalendosi dell’esperienza di uno studio di architettura, come primo intervento ha valorizzato
il paesaggio circostante con un patio e una pergola per rendere più usufruibile il giardino. All’interno alcuni locali sono stati ricavati chiudendo con vetrate gli spazi parzialmente aperti, come i loggiati in facciata, oppure ricavando nuove aperture come nella sala da pranzo, dove una parete ha lasciato posto a un’ampia vetrata.

Ristrutturata dall’architetto Lorenzo Marquès questa casa ha una struttura volumetrica basilicale, molto luminosa con la navata centrale a tripla altezza e due ali laterali che accolgono aree relax.

Dai loggiati ad arco sono stati ricavati ambienti da vivere, chiusi da vetrate che di notte si illuminano come antri accoglienti. Alle spalle della facciata la piscina si protende come una naturale prosecuzione della casa.

Al piano terra, per accentuare l’effetto “grotta” delle volte a botte, le superfici sono state trattate con uno strato di
cemento applicato grossolanamente e con una mano di vernice molto densa. Per rendere ancora più scabre le pareti, la vernice è stata tamponata con una spugna ruvida. Le camere da letto sono state ricavate ai piani superiori dove i soffitti hanno travi a vista o volte intonacate in pallide tinte pastello. I pochi arredi in legno, per lo più mobili
antichi, danno un aspetto severo e spoglio alle camere da letto.

In apertura di servizio è visibile l’esterno della villa con una lunga quinta, aperta da due arcate che si affaccia sulla piscina. La parete di muratura attigua alla casa è originale e conserva la stessa trama di pietra. Il prolungamento è un intervento recente per creare una separazione tra la zona balneare e il giardino. Una lunga scalinata collega la casa alla piscina ed è sempre una scala, questa volta semicircolare, che invita a immergersi nell’acqua turchese.

condividi :
Intramontabile legno
13/10/2005
Una antica passione preziosa
02/12/2008