FARE

Un angolo di paradiso…

Vivere felici pensando all’Oriente

Sono sufficienti poche immagini per accompagnarci nelle lontane terre d’oriente e trasmetterci intense emozioni. Una full immersion nell’universo dei colori del mare, dell’azzurro cielo e delle diverse forme scultoree del legno.

Secondo la tradizione orientale, il legno viene considerato come un elemento vivo, naturale. La saggezza antica afferma che una dimora senza il legno è come fosse priva di anima. Il legno con i suoi giochi di chiaro scuri, che sfumano e cambiano continuamente, regala agli interni tonalità naturali e rilassanti. In questi luoghi, così lontani da
noi, è possibile ascoltare il respiro profondo della natura in un dialogo aperto con il mondo, capace di farci vivere emozioni uniche.
Sono luoghi che evocano solitudine (come quella conosciuta dai viaggi di Robinson Crusoe) e invitano alla meditazione.
Una complementarietà perfetta tra un magnifico e rigoglioso paesaggio, e un arredamento minimalista, essenziale ma allo stesso tempo “forte” e seduttivo…

In Edicola

1. Il tatami giapponese è valorizzato dall’artigianato locale dei piatti cinesi. Amanjiwo, Java.
2. Jérome Abel Seguin, Sumbawa, ha disegnato questa originale sedia in stile coloniale.

Come delle liane attorcigliate, vivaci tronchi di legno si divincolano l’uno contro l’altro, in un saliscendi naturale come se fossero animati. Maestosi e imponenti fanno da sfondo sulla parete di legno e bambù, diventando l’elemento principale della camera da letto. Le tonalità chiare dei fiori rosa, del bianco e del legno chiaro creano un’atmosfera incantata ed eterea.

1. Una natura incontaminata, quasi irreale, quella dell’isola di Bali. Questa villa è in perfetta sintonia con la natura della foresta tropicale e delle fertili risaie situate vicino al fiume Ajung. Costruito con pietre locali, legno robusto, bamboo e con il tetto ricoperto di paglia, il bungalow mescola elementi naturali rievocando i tratti dell’architettura balinese. Le pietre allineate in forme e colori diversi, creano un effetto lucciolato che risplende con la luce del sole. Lontano si odono i suoni della foresta intrisa di mille profumi. Progetto di Begawan Giri, Bradley Gardner, architetti di Yew Kuan Cheong, Bali.

2. Alcuni accessori disegnati da Muang Kula Pan, Thailand. In basso, un piccolo lavandino intagliato a forma circolare caratterizzato dal contrasto di colore dei due tipi di legno. A sinistra, un originale tavolino utilizzato come porta accessori a forma di fungo. Un porta asciugamani in legno pitturato di bianco.

3. Gli architetti John & Cynthia Hardy hanno realizzato il sogno di una vita costruendo una casa tutta in legno, dotata di ogni tipo di comfort. Una combinazione di lussuosi accessori rendono questo ambiente indiscutibilmente affascinante. La stanza è permeata da un’atmosfera romantica e struggente: dal legno al ferro battuto, dal bamboo alle rifiniture di rame, alla soffice tenda color avorio. All’esterno una natura indomita, energizzante e vivace.

Tutte le foto di questo servizio sono tratte da “Asian Elements. Natural balance in eastern living”. Le foto sono di Andrew Wood, i testi di Jane Edwards, Edizioni Conran Octopus Limited. Una pubblicazione affascinante dove dettagli e splendide immagini di interni ed esterni riflettono l’architettura contemporanea e la filosofia estetica orientale. Un percorso naturale attraverso cinque elementi, aria, terra, acqua, fuoco e legno fa emergere l’armonia e l’equilibrio della cultura e della spiritualità di questo incontaminato angolo di mondo.

Il tamburo sciamanico

Capita spesso, nel corso della vita, di attraversare momenti di incertezza con cali di energia e di determinazione.
A volte, quando le cose non vanno molto bene, ci sembra che tutto congiuri contro di noi, ci sentiamo perseguitati dalla sfortuna, e ci viene spontaneo domandarci perché per altri – invece – tutto riesce facile e qualsiasi progetto si realizza senza difficoltà.
Scegliere di muoversi nel buio della notte è il modo più rischioso per percorrere un sentiero accidentato ed è anche il più difficile per giungere alla meta. Non lasciare nulla al caso e possedere le capacità per superare qualsiasi ostacolo è proprio di chi vive in comunione col Cosmo, immerso e vivificato da quell’energia che gli orientali chiamano Prana.

Superare gli ostacoli che ci separano dalla felicità è possibile ed è alla reale portata di chiunque senta dentro di sé la sete della verità e della conoscenza. Lavorando su di noi, riusciremo, attraverso un percorso preciso, a rilasciare quelle tossine mentali e spirituali che ci spingono ad atteggiamenti autolesionistici e ci impediscono di realizzare il nostro progetto esistenziale.
Questi veleni, che noi stessi produciamo con i nostri comportamenti sbagliati, si depositano infatti nei sottili canali della mente, intossicandoci e rendendoci facili prede della sofferenza.

Il vento dell’energia cosmica opportunamente convogliato attraverso il suono magico del tamburo sciamanico è in grado di sciogliere questi depositi liberandoci definitivamente dalla schiavitù di una vita senza gioia. Il progressivo svincolarsi dalla morsa di questi veleni si accompagnerà ad una ritrovata salute e accrescerà la nostra consapevolezza modificando quei comportamenti sbagliati che ci condizionano anche nelle nostre relazioni. L’Energia, una volta convogliata sull’individuo non lo abbandonerà più, sostenendolo e spingendolo verso i più alti traguardi professionali e spirituali. Allora potremo dire di poter vincere la partita della vita.

 

condividi :
Un posto per ogni cosa
06/10/2005
Le pagine tecniche
31/07/2005