FARE

La casa che vive in sintonia col sole

A San Vito di Cadore, in un romantico paesaggio dove cime innevate e boschi di abeti sono protagonisti, e le piste da sci sono lì, a un passo, pronte per essere percorse indossando gli sci sulla porta di casa e lanciandosi in veloci discese, baciati dalla brezza che scende dalle vicine vette e dal sole che splende cristallino, è stata creata una residenza turistico alberghiera, vale a dire un complesso di appartamenti che ognuno può fruire nella maniera più privata ed esclusiva possibile, come un vero e proprio intimo nido, ma che allo stesso tempo dispone di tutti i comfort e i servizi di un’unità alberghiera.

Il soggiorno è un grande spazio intimo, dove si sommano le funzioni del pranzo e quelle della conversazione, grazie alle due pareti opposte rivestite di boisierie che, insieme al soffitto dello stesso materiale, rendono l’ambiente molto ovattato e tranquillo; anche il pavimento, di larice spazzolato e cerato, contribuisce a unificare le funzioni e si armonizza col bellissimo tappeto della zona conversazione.Nella zona più ambita e soleggiata di San Vito, la località Belvedere, con uno scenario mozzafiato che spazia tra il Monte Pelmo e il Monte Antelao, tra la croda Marcora e le splendide Tofane di Cortina d’Ampezzo, nel cuore delle Dolomiti più belle, è stata realizzata Cà del Sole, questa residenza turistico alberghiera progettata in sintonia con l’ambiente circostante grazie al suo design, che si richiama all’architettura tradizionale della zona ma lo aggiorna alla sensibilità odierna, e alle sue lineee tradizionali ma raffinate, che fanno largo uso del materiale più consono alla montagna, il legno.

La linea classica ma anche contemporanea del complesso residenziale si fonde perfettamente nel paesaggio dolomitico e le linee delle partizioni architettoniche si legano a quelle delle pareti rocciose.
L’importanza dei dettagli è fondamentale in ogni arredamento: si notino nelle foto accanto la bella applique classica, col motivo del cervo rampante, e la lavorazione capitonnée, con impunture rosse su grigio.

L’angolo del pranzo è molto raffinato, con le sue poltroncine vestite di un bellissimo tessuto grigio su cui sono riportati i cervi rampanti, motivo dominante di tutto l’arredamento; in tono più caldo, con balza ricamata, la tovaglia che scende anch’essa a rivestire le gambe del tavolo; invece è stato scelto un colore più chiaro e perlescente, ma sempre nella gamma dei grigi, per il tavolino vestito con lampada forgiata con un cervo rampante.Naturalmente, il progetto di un simile complesso non si limita all’aspetto puramente edilizio delle parti generali e delle singole unità immobiliari, ma si addentra nella sistemazione interna degli appartamenti, da un lato, e nella dotazione di servizi e attrezzature di uso collettivo, dall’altro.
Per il primo aspetto, tutti gli appartamenti sono di ampia metratura e sono dotati di grandi terrazze panoramiche esposte al sole, perché sia possibile godere al massimo di questa ricchezza naturale che non costa niente ma è grandemente apprezzabile, e alcuni hanno anche il giardino privato; poi, sommamente curata è la personalizzazione di ogni locale, con la cura di ogni minimo dettaglio, con l’impiego di materiali di pregio, di tessuti raffinati e di significativi pezzi d’antiquariato.

In questo altro appartamento, leggermente diversa è la soluzione per il pranzo, pur permanendo alcune caratteristiche comuni (la boiserie, le poltroncine vestite, il lampadario in ferro forgiato, i ricchi tendaggi): sul lato della boiserie, è stata realizzata una bella e comoda panca, dalla struttura in legno (lo stesso della boiserie) e dalla generosa imbotittura matelassé, la cui parte dello schienale è appesa a un bastone in ferro martellato.Diceva il poeta che la bellezza si nasconde nei dettagli: qui i progettisti hanno curato ogni minimo particolare con grande attenzione e amore per la bellezza e la qualità, come possiamo vedere in questa elegante panca, realizzata in caldo loden austriaco arricchito con i ricami sullo schienale e dalla finitura con cordone in contrasto sulla seduta capitonée.AMOFLEX, LABORATORIO ARTIGIANALE NATO NEGLI ANNI ’60, È IL FRUTTO DI UNA TRADIZIONE FAMIGLIARE CHE SI È TRASMESSA DAI TITOLARI FONDATORI BRUNO SALVADOR E MARIA DA RE AI FIGLI (NELLA FOTO ACCANTO L’ATTUALE TITOLARE), CHE SVOLGONO CON PASSIONE, ESPERIENZA E COMPETENZA QUESTO LAVORO.
NATO COME LABORATORIO DI MATERASSAI NEL CORSO DEL TEMPO HA UNITO L’ESIGENZA DEL MERCATO ALLA RICERCA COSTANTE DI NOVITÀ ED ECCELLENZE, TANTO DA DIVENTARE UN PUNTO DI RIFERIMENTO PER LA TAPPEZZERIA E L’ARREDAMENTO.
L’AZIENDA È IN COSTANTE COLLABORAZIONE NON SOLO COI PRIVATI MA ANCHE CON PRESTIGIOSI NEGOZI, MOBILIERI ED INTERIOR DESIGNER.
SIA CHE SI TRATTI DI UNA TENDA, DI CUSCINI DI ARREDAMENTO O UNA CASA INTERA AMOFLEX È SEMPRE A DISPOSIZIONE CON CORTESIA E PAZIENZA, OFFRENDO ANCHE CONSIGLI PRATICI PER MEGLIO SVILUPPARE E REALIZZARE I VOSTRI DESIDERI!L’eleganza nella cura dei dettagli
www.amoflex.comIl largo uso del legno nella realizzazione della facciata risponde al contempo a un bisogno di classicità di stile e alla necessità del risparmio energetico

L’uso abbondante del legno, in questa casa dell’immobilare Worlfer srl, è un segno di classico stile montano e di rispetto dell’ambiente, e contiene le dispersioni termiche.
Intima e calda la camera, con il letto inserito in un’alcova imbottita a disegni classici del Cadore, come pure i ricami sul piumone .
Invece qui tessuti viennesi e una morbida coperta di pelliccia.Per il secondo aspetto, oltre ai tradizionali servizi alberghieri e di ristorazione, è stata creata una struttura wellness dedicata al relax e alla cura del corpo, con sauna, bagno turco e solarium esterno: in tal modo, l’ospite di questa struttura potrà contemporaneamente rifugiarsi nella privacy del proprio appartamento, qualora voglia ritagliarsi una dimensione di vacanza esclusivamente personale o, tutt’al più, con la sua compagnia preferita di amici, oppure dedicarsi intensamente alle attività di cura del corpo nelle aree comuni, trasformando così un atto tradizionalmente individuale in un rito purificatore collettivo. Ma sempre nel segno di una casa intensamente vissuta nella splendida natura dolomitica del Cadore.CENTRALITÀ DEL PROGETTO: CREARE UNA RESIDENZA TURISTICO ALBERGHIERA CLASSICA MA CONTEMPORANEA, IMMERSA NELLA NATURA DEL CADORE
INNOVAZIONE: PERSOLIZZAZIONE CURATISSIMA DI OGNI SPAZIO
USO DEI MATERIALI: TESSUTI ELEGANTI E RAFFINATI PER RICRERAE LA GENUINA ATMOSFERA DEL CADORE
NUOVE TECNOLOGIE: LA ZONA WELLNESS CON SAUNA E BAGNO TURCO

condividi :
La ricostruzione della memoria
07/11/2005
Preziosi rivestimenti
18/11/2008