ARCHITETTURA FARE PENSARE

Camini neocountry di grande stile

Progetto: Giulio Ricci e Paola Jacobucci architetti
Località: Bracciano
Testo: Walter Pagliero
Foto: Marina Papa

Un progetto che reinterpreta la casa di campagna in chiave contemporanea

E’ stata una scelta felice per una coppia romana, lui ingegnere e lei nota pittrice, quella di spostarsi dalla Capitale per vivere a un centinaio di metri sopra il lago di Bracciano. E’ a pochi chilometri dal raccordo anulare ma il clima è molto più temperato: meno freddo d’inverno e più ventilato d’estate. Dopo aver trovato il luogo giusto, con una splendida
vista e un’equilibrata esposizione al sole e ai venti, è iniziata la collaborazione con gli architetti.

Un’architettura molto articolata

Le particolarità di questo nuovo progetto sembrano provenire dalla decisione di prendere a modello le case contadine della zona. A differenza della campagna toscana, dove l’architettura spontanea ha fortemente subìto l’influenza di quella colta, i casolari dispersi negli uliveti del viterbese (dove si trova il lago di Bracciano) sono costituiti da piccoli corpi aggiunti gli uni agli altri nel tempo e secondo necessità.

Questo fatto comporta, dal punto di vista del
paesaggio una migliore dispersione nella natura, e dal punto di vista di chi vi abita una continua proliferazioni di elementi utili e contemporaneamente belli. I tanti camini interni significano anche tanti comignoli all’esterno, che quando fumano sono così rincuoranti per chi fa ritorno a casa affamato, stanco o infreddolito.

Il fascino della casa rustica in una campagna autenticamente contadina è fatta soprattutto di luoghi simbolici della memoria: il profumo della legna che arde, il pane fatto in casa, i polli che sfrigolano sulla brace che si sta spegnendo. Qui il molto fuoco vuol dire molta anima.

Acqua, fuoco e natura sono gli elementi primordiali
protegonisti dell’integrazione tra casa e ambiente

Basta un camino per ricreare l’intima convivialità
dello spazio soggiorno da vivere anche all’perto

Nelle foto: 1. La loggia per pranzare e cenare all’aperto, riparati dal sole e dal vento, con splendida vista sul lago di Bracciano. Gli ulivi fanno da quinta romantica al paesaggio.
2. A ridosso della loggia dove si pranza vi è una rusticissima cucina con camino funzionante, dove le preparazioni
godono del fuoco migliore che ci sia, quello a legna.

La cucina con focolare a legna della tradizione contadina si rivela
ancora, col suo piano di lavoro alto, la più funzionale

Ambiente country

Chi ha avuto la fortuna di crescere da bambino almeno per qualche periodo in una casa di campagna, la ricorda semplice e piena di vecchi mobili come questa, simpatica come la vecchia nonna spesso collegata nel ricordo ai giorni felici passati giocando. I profumi di allora non si dimenticano facilmente. Ricostruire adesso queste case significa essere fondamentalmente ottimisti, credere che quei valori sono perenni e che basta grattare un poco la crosta consumistica di oggi per ritrovare i forti sapori di ieri.

Il camino

L’oggetto che meglio fa capire che non si tratta di una semplice casa contadina, ma di una residenza di campagna abitata da gente che se ne intende, è proprio il camino in marmo rosso di Verona tipico, per le sue forme dinamiche e musicali, del Rinascimento italiano. Anche se la posizione non è quella tradizionale (nel ‘500 non si mettevano i camini tra le finestre), la sua figura da protagonista la fa alla grande e intorno a lui ruota un ambiente che gli si confà: robuste travi sul soffitto finite a cera d’api, cotto antico di recupero sul pavimento, mobili patinati.

condividi :
Total White per un bagno scenografico
03/04/2012
Una piscina nel giardino
03/12/2007