FARE

CAMERE CON… VASCA


La camera da letto accoglie sempre più spesso anche la vasca da bagno. È un nuovo modo di concepire il benessere che vede nella cura del corpo una purificazione dagli stress quotidiani e un momento di autentico relax. In questo servizio tre splendidi interni e, a seguire, tante proposte di produzione che ci hanno suggerito queste immagini.

Testi di Walter Pagliero

C’è stata una rivoluzione nel modo d’intendere la camera da letto: è diventato un ambiente che comprende al suo interno la vasca da bagno. All’inizio la molla è stata la grande cura del corpo, la vasca con idromassaggio, l’abitudine appresa nelle beauty farm di riposare dopo un’immersione prolungata.
Poi ci si è accorti che, in effetti, fare il bagno in camera è un’esperienza “totale”, più gradevole e rilassante, simile alla sosta in un hammam.
L’architetto Roberto Tornetta, ristrutturando un loft, ha dedicato alla camera da letto un intero piano, interrompendo
lo spazio solo con una quinta muraria leggermente curva per nascondervi dietro i lavandini. La grande ariosità dell’insieme, che fa pensare alle ville dei pionieri del razionalismo, è resa più irreale e fantastica dalla luce naturale
filtrata dalle pareti in vetrocemento. La vasca, visibile dal letto, è incastonata dentro un involucro argenteo.

Grandi superfici in vetrocemento illuminano il piano superiore di questo loft
dove la zona letto, la sala da bagno e uno spogliatoio si confondono

Ritratto dell’architetto Roberto Tornetta.
Struttura della vasca su disegno in metallo spazzolato e ghisa; seduta in pelle bianca “Chester”, Poltrona Frau.
Una fusione di alluminio con struttura in ferro per l’originale tavolino basso “L’ira di Alfredo”, Rude Bravo.

condividi :
Nella campagna della Gera d’Adda
31/07/2005
Il giardino pensile
23/07/2009