ARCHITETTURA

Bioarchitettura di alto livello

A San Candido, in Alto Adige, ci troviamo di fronte ad un ottimo connubio tra architettura, prefabbricazione e la soddisfazione di funzioni separate. Due volumi che creano una forma ad “L”, collegati da un corpo centrale che ospita il vano scale. Questa esigenza ha portato al progetto di Tetris House, disegnata dall’Arch. Ulla Hell dello Studio Plasma e realizzata con la collaborazione dell’azienda H2 SÜDTIROLHAUS. L’edificio è formato da una villa e da cinque appartamenti indipendenti, un giardino esterno ed un parcheggio.
La struttura in legno massiccio risponde perfettamente ai principi legati alla bioarchitettura: la struttura incrociata degli elementi costruttivi crea un effetto barriera, l’isolamento delle pareti verticali è diversificato in base alla tipologia strutturale. La copertura e il primo piano sono realizzati con elementi prefabbricati in legno e sono isolati con pannelli Homatherm.
Si è fatto uso di collanti senza formaldeide e si è posta attenzione nel creare un effetto barriera antiumidità tra le parti in legno e le fondamenta. La struttura del primo livello è composta da montanti in legno ed elementi prefabbricati, una scelta dovuta alle caratteristiche isolanti, la cellulosa e la fibra di legno, al suo interno, sono molto efficienti. Il riscaldamento dell’abitazione è connesso alla rete di teleriscaldamento della città. Inoltre le facciate rivolte verso sud e ovest presentano finestre ampie, mentre le facciate rivolte a nord e ad est presentano minori aperture all’esterno.
Tali caratteristiche hanno fatto si che il progetto abbia ottenuto il Certificato Casaclima B, sinonimo di elevata sostenibilità ambientale e risparmio energetico.
Per quanto concerne gli interni, è sempre il legno a farla da padrone.Usa il link pro: aggiungi la stringa chiave e scopri approfondimenti:
es: http://pro.dibaio.com/h2-prefabbricati

Un ottimo connubio tra architettura, prefabbricazione e la soddisfazione di funzioni separate. Tetris House è formata da una villa e da cinque appartamenti indipendenti, un giardino esterno ed un parcheggio. La struttura in legno massiccio risponde ai principi legati alla bioarchitettura.Le pavimentazioni sono in larice locale; la zona giorno, che si presenta come un open space, è particolarmente luminosa grazie all’utilizzo di arredi realizzati in larice sbiancato e pannelli in MDF bianco; parquet ed infissi sono realizzati con essenze chiare. Un’attenzione particolare è riservata ai pavimenti dei bagni degli appartamenti, in quanto, per agevolare la pulizia, si è applicato uno strato di resina colorata o trasparente; mentre il bagno e la cucina della villa principale presentano pavimenti in larice.

Le forme geometriche nette si stagliano nel paesaggio montano e sono coerenti con l’aspro territorio di San Candido, in provincia di Bolzano, dove è costruito l’edificio. Si noti il connubio delle essenze e degli elementi: esterno in legno massiccio e strutture prefabbricate, interni in larice locale.

APPROFONDIMENTO
Usa il link pro: aggiungi la stringa chiave e scopri approfondimenti:
es: http://pro.dibaio.com/benessere-abitativo

Tutti gli accorgimenti e le scelte eco sono stati realizzati grazie ai sistemi in legno dell’azienda fondata da Norbert Hofer, in grado di fornire soluzioni ideali nel settore delle costruzioni bio in legno massiccio e a basso consumo energetico.
Adattabili a qualsiasi esigenza costruttiva e tipologica con progetti individuali realizzabili in tempi brevi e con servizio chiavi in mano.
Tali sistemi garantiscono un isolamento a regola d’arte e una piacevole temperatura interna sia d’estate che d’inverno. Le costruzioni in legno massiccio offrono dei livelli di isolamento acustico eccellenti, inoltre i pannelli di compensato multistrato e le giunzioni create ad hoc permettono un’ottimale impermeabilità al vento.

La pianta illustrata sopra, mostra come i due volumi creano una forma ad “L” e sono collegati da un corpo centrale che ospita il vano scale e diventa un filtro fra le due parti architettoniche, dove si crea una zona di passaggio comune.
Interessante notare come le aree esterne siano molto ben integrate con gli interni, ciò è dovuto alla continuità materica.
Continuità creata dall’uso appropriato del legno anche per la zona “portico” dove è
stata creata un’area relax, ben visibile anche nelle foto della pagina precedente.

Il prospetto permette di ammirare l’incastro dei volumi e la piacevole texture creata dai listoni di legno massiccio. Si nota il gioco dei pieni e dei vuoti realizzato grazie alle ampie superfici vetrate che catturano luce e calore accumulandolo e distribuendolo uniformemente all’interno. Molto interessante l’equilibrio architettonico creato dai tagli netti delle facciate e dalle intersezioni dei due corpi principali. La sezione mostra l’articolazione degli spazi in verticale compreso il piano interrato.

Negli interni, è sempre il legno l’indiscusso protagonista. Le pavimentazioni sono in larice locale; la zona giorno, che si presenta come un open space, è particolarmente luminosa grazie all’utilizzo di arredi realizzati in larice sbiancato e pannelli in MDF bianco; anche il parquet e gli infissi sono realizzati con essenze chiare.L’esclusività della vostra casa in legno.
http://pro.dibaio.com/suedtirolhaus

condividi :
Salendo verso l’infinito
05/12/2005
30 mq. da reinventare
09/02/2007