FARE

Benessere abitativo nella “casa solare”


Un’abitazione modulare esclusiva che persegue l’obiettivo di “vivere in perfetta armonia con la natura”.

L’elemento caratterizzante di questa casa è lo “scheletro” in legno su cui poggia l’intera struttura. Un materiale che, insieme alle grandi superfici vetrate, permette una piacevole integrazione con l’ambiente esterno, rendendo quasi indefinibile il confine tra la natura e gli spazi interni.

Progetto: Huf Haus
Servizio di: Raffaela Balestrieri architetto

La presa di coscienza degli sprechi energetici determinati da edifici in cui il benessere abitativo viene garantito dalla costruzione artificiale delle condizioni interne tramite l’uso di impianti tecnologici sta spostando l’attenzione di progettisti e aziende da una dotazione impiantistica sempre più pervasiva e sofisticata a una progettazione intelligente dell’edificio, inteso come filtro di flussi di energia in scambio con l’ambiente.

Se la misura che si pensa essere opportuno adottare primariamente per diminuire gli impatti ambientali è quella di ridurre i consumi energetici, occorre partire dal comparto che maggiormente è causa di consumo: il settore edilizio. La fase d’uso degli edifici assorbe un terzo dell’energia primaria consumata: in particolare il settore residenziale e terziario assorbono oltre il 40% del consumo finale di energia.

In una progettazione intelligente la casa deve essere intesa come
filtro di flussi di energia in scambio con l’ambiente.

Questa casa è espressione dell’unione tra architettura classica e contemporanea. Il suo carattere estetico unico non le impedisce di essere totalmente conforme alle norme vigenti in materia di risparmio energetico.
La casa è infatti dotata di finestre con doppi o tripli vetri.
Accorgimento che ha permesso di costruire grandi superfici vetrate mantenendo il risparmio energetico a livelli elevati.

I parametri che entrano in gioco nella progettazione per ottenere un basso consumo energetico sono: la coibentazione termica dell’edificio in modo che non disperda calore, un corretto orientamento dell’edificio rispetto al sole; un corretto rapporto tra parti vetrate, parti opache e parti a "massa" dell’involucro; lo sfruttamento passivo dell’energia solare tramite vetrate rivolte a sud (schermabili in estate); l’uso di collettori solari per la produzione di
acqua calda e di pannelli fotovoltaici per la produzione di energia elettrica (sfruttamento attivo dell’energia solare); l’uso di sistemi impiantistici basati su energie rinnovabili o ad alto rendimento energetico.
La produzione di elementi tecnici che favoriscono il risparmio energetico viene premiata in un’ottica di life.cycle: infatti nel corso del suo esercizio un edificio convenzionale consuma circa dieci volte più energia di quella necessaria per la sua costruzione.

La riduzione delle emissioni di anidride carbonica è fortemente
legata alla costruzione di edifici a basso consumo energetico.

Il rapporto tra energia usata ed energia grigia, impiegata nella produzione dei materiali e nella costruzione degli edifici, è di 10:1. Di conseguenza la riduzione degli impatti ambientali e, in particolare, la riduzione delle emissioni di CO2, è fortemente legata alla costruzione di edifici a basso consumo energetico.
L’enorme impegno con il quale HUF HAUS persegue l’obiettivo di realizzare delle case perfettamente in armonia con l’ambiente le è stato riconosciuto anche ufficialmente con l’assegnazione di un importante premio tedesco : il "Solarpreis 2001" per l’utilizzo dell’energia solare nell’ambito della realizzazione della "Sonnen Haus", la "casa solare"e per il merito di essere stata la prima casa completamente neutrale dal punto di vista dei consumi energetici.
La "casa del sole" è una costruzione esclusiva risultante da un concetto energetico "zero emissioni di CO2" legato a principi ecologici e architettonici unici nel loro genere. Con questo riconoscimento la Sonnen Haus diventa la prima casa ad essere completamente neutrale dal punto di vista del consumo energetico. L’intero fabbisogno energetico
della "casa del sole" viene soddisfatto dall’energia solare e dalla risorsa rinnovabile del legno combustibile (pellet). Il tetto da sole HUF integra alla perfezione i collettori solari e fotovoltaici divenendo così "la centrale energetica" della casa. L’energia così prodotta offre a tutta la casa dei risultati eccellenti dal punto di vista del bilancio energetico totale.

Il sistema di riscaldamento “air conomy” sfrutta l’energia solare
attraverso le ampie vetrate di facciata catturando il calore.

Il sistema di riscaldamento denominato “air conomy”, sviluppato dalla Huf Haus, sfrutta l’energia solare attraverso le ampie vetrate di facciata catturando il calore del sole invernale che viene recuperato da scambiatori di calore e ridistribuito nei locali non raggiunti dall’insolazione.
La caldaia si spegne automaticamente in modo da sfruttare per ore, e quasi gratuitamente, il calore del sole.
Il sistema di riscaldamento ad aria proposto dalla Huf Haus rappresenta una valida alternativa aisistemi tradizionali. Attraverso le piccole ed eleganti feritoie a griglia davanti alle vetrate entra l’aria filtrata e riscaldata che viene poi distribuita uniformemente nel locale senza generare fastidiose correnti d’aria. Le condotte per la distribuzione dell’aria di ventilazione sono posate nello spessore della soletta della cantina e risalgono in canali appositi verso i distributori. Dai distributori dipartono mini – canali di condotta dell’aria verso le griglie davanti alle vetrate.

Qualità dell’intervento

Centralità del progetto: la tipologia di costruzione “a moduli” rappresenta l’espressione di una cultura costruttiva sempre attuale. La suddivisione ben visibile della costruzione con materiali naturali dà all’elemento costruttivo una struttura chiara e al contempo trasmette armonia.
Innovazione: elementi scorrevoli fino a 2,80 m di larghezza di passaggio sono ottimali per la libertà di movimento nello sfruttamento degli spazi esterni, così come per un’integrazione del giardino agli spazi interni.
Uso dei materiali: La struttura modulare visibile con travi in legno lamellare incollato è l’elemento portante nella facciata.
Nuove tecnologie: il sistema di riscaldamento “Huf air conomy” eleva il comfort abitativo migliorando la qualità dell’aria e garantendo una totale libertà di movimento e di arredamento dello spazio.

Le facciate in vetro e la struttura portante in legno simboleggiano
un’architettura dove è aperto il dialogo tra interno ed esterno.

Il recupero dell’aria usata avviene attraverso un sistema di riciclo situato nelle pareti interne.
La struttura portante in legno completamente a vista, la particolare trasparenza delle facciate in vetro simboleggiano un’architettura aperta e vitale; aperta sia verso l’esterno che verso l’interno.
Le particolari vetrate superiori tra le travature e la soletta aumentano l’illuminazione naturale permettendo, al tempo stesso, l’inserimento di vetrate apribili a ribalta per una ventilazione confortevole sotto soletta ed un’illuminazione naturale anche con elementi di facciata a pannelli chiusi . Tutte le vetrate al piano terreno (senza vetrate superiori
o porte d’entrata) sono dotate di lamelle a pacchetto con elementi orizzontali per un’ottimale modulazione e schermatura della luce solare.
In questa casa lo spazio rappresenta maggiore libertà per la convivenza ma anche libertà di poter modificare, come nella vita stessa.

Legno, vetro, marmo e pietre naturali valorizzano gli interni.

Il carattere della casa viene sottolineato dalla linea di arredamento degli interni. I mobili contribuiscono tanto a
mantenere gli spazi ordinati quanto a sfruttare quelli esistenti in maniera ottimale.
Realizzati da progettisti e artigiani esperti riflettono lo stile del proprietario.

Un’estetica senza tempo e una focalizzazione dell’essenziale si uniscono alla qualità nel dettaglio.
Luce e paesaggio, giorno e notte diventano parte integrante dell’abitare trasmettendo un’impareggiabile sensazione di vita.
Il carattere unico di questa casa viene sottolineato anche dalla linea di arredamento degli interni. Mobili esclusivi, luci, camini e accessori come tappeti e tende. Il design è stato curato in modo da ottenere interessanti effetti estetici di sintonia e coerenza e, in alcuni casi, anche di contrasti entusiasmanti.

Huf haus

Nata nel 1912 ad Hartenfels (Germania), HUF HAUS, legno dopo legno, casa dopo casa, è diventata la società di riferimento nell’ambito della progettazione e della costruzione di case innovative risultanti dalla combinazione tra moduli di legno e di vetro.
Da decenni la mano architettonica HUF HAUS firma progetti “chiavi in mano” servendosi di professionisti che seguendo la propria visione architettonica nel corso degli anni soddisfano il desiderio di esclusività di chi le abita, interpretando alla lettera la loro gioia di vivere.

Realizzate da progettisti e artigiani con una vasta esperienza, l’arredamento riflette lo stile personale in ogni stanza.
Le componenti di base offerte dall’azienda per l’arredamento e le rifiniture degli interni sono di altissimo livello: un legno "caldo" in combinazione con la pietra naturale, il marmo, il vetro oppure la pietra preziosa dimostrano di essere il complemento ideale alla splendida architettura HUF HAUS.

 

condividi :
I TESSUTI NELLA SALA DA BAGNO
07/05/2012
The charm of mansard
01/09/2005