ARCHITETTURA FARE

Living liquors & delights

Bar design – Living liquors & delights / Milano
PROGETTO: STUDIONOVANTANOVE ARCHITETTI ASSOCIATI
LUCA AMENDOLA
MATTIA ODDONE
ROBERTA ZOCCHI
FOTO DI VINCENZO PATRUNO

“La dicotomia della gestione
diventa la base delle scelte progettuali
di questo lounge bar”

“The dichotomy of management becomes the basis for designing this lounge bar.”

La suggestiva location dell’edificio, di fronte all’Arco della Pace a Milano, ha suggerito ai progettisti di realizzare un locale che viva all’interno come all’esterno, grazie alle ampie aperture di questo palazzo ottocentesco che consentono l’affaccio su un contesto architettonico e paesaggistico piacevole.
Il volume è stato trattato con rivestimenti plastici lucidi, nei toni del grigio, e riproducono un piacevole gioco di riflessi grazie all’abbondanza di luce naturale che entra dalle ampie vetrate. Il progetto di questo lounge bar parte dalla volontà di far convivere il relax di un ambiente confortevole e la vitalità di uno dinamico, e di fondere la raffinatezza dello stile italiano con la convivialità argentina, offrendo la possibilità di vivere il locale in modi differenti; questa dicotomia è la storia del locale e sta alla base delle scelte progettuali come della stessa gestione.

In front of the Peace Arch in Milan, the location of this building was suggested to the planners to create a locale that lives internally as well as externally. In merit of the generous openings of this 19th century building, it can be observed in an architectural context as well as on a pleasurable stroll. The interiors are lined with plastic coverings in grey tones reproducing a pleasing game of reflection, thanks to the abundance of natural light that enters through the amply sized
windows.

Nelle foto: Il bancone ha il top realizzato in Corian mentre il fronte è rivestito con tasselli di corno di Birmania. Le sedute realizzate su disegno sono rivestite di stoffa damascata con colori caldi. Completano l’arredo le poltrone Barcelona e alcuni pezzi di artigianato.
The bar top consists of Corian, while the front is covered with horn of Burma inlays. The chairs are covered in warmtoned damask fabric. Armchairs from Barcelona and several craftsmanship pieces complete the furnishings.

Il locale è vissuto in modi differenti, l’atmosfera varia a sottolineare i diversi momenti della vita, dal tardo pomeriggio alla sera: il ristorante “relax”, suddiviso in due aree che occupano le zone agli estremi dello spazio, fa da contrappunto alla “zona di transito/consumo” nella quale il bancone del bar è brillante e vitale protagonista. Situato nella zona centrale del locale, di fronte all’ingresso principale e collegato con il dehor esterno, soddisfa le esigenze della clientela che si sposta tra interno ed esterno e costituisce una forte presenza monumentale attorno alla quale ruota la composizione. Il top in Corian arancione contrasta con il fronte in rovere nero, rivestito in tasselli di corno di Birmania montati su plexiglass retroilluminato; l’illuminazione consente di sortire diversi effetti in modo da caratterizzare i differenti momenti di vita del locale.

The idea for this lounge bar started with the desire to invent a setting where relaxation, comfort and vitality become one dynamic and to cast refined Italian style with Argentinean vitality, so that the locale can be experienced in different
ways. This dichotomy is the history of the lounge, and is at the basis of the design choices of its management.
The setting varies in ambiance, emphasizing the different moments of life, from late afternoon to evening. The “relaxing” restaurant is subdivided into two areas that occupy the farthest corners, acting as counterpoints to the “transit/consumption zone.” Here the bar top is the protagonist, full of vitality and brilliance, situated in the center before the principal entrance and connected to the exterior dehor.

Si crea un duplice effetto, cromatico e d’atmosfera, che si anima creando un ambiente soft eprezioso. Nello spazio ristorante la cena è un momento da gustare in tranquillità: poltrone imbottite e ampie panche invitano a sedersi comodamente o addirittura a sdraiarsi con il comfort di morbidi cuscini sui quali abbandonarsi. Gli accesi cromatismi dell’arredo risaltano sull’involucro (pareti e soffitti in resina spatolata e pavimento in doghe di legno) dominato dai colori
scuri: si contrappongono stoffe preziose e tessuti damascati ai mobili di design anni 20 e agli oggetti di modernariato, mix equilibrato e contraddittorio che ben rispecchia la natura dei suoi proprietari. Le sedute, realizzate per la maggior parte su disegno, hanno struttura in legno (sempre verniciata di nero) e imbottitura colorata: le stoffe utilizzate variano dal monocromatico a fantasie geometriche e damascate con colori di tonalità calde sul rosso, arancione e giallo.

It fulfills the needs of patrons moving between the inside and the outside, as a strong monumental presence around
which rotates the structure. The orange Corian bar top contrasts with the black oak front covered in Burmese horn inlays mounted on retro-illuminated plexiglass. The illumination creates different effects for different moments in the locale. A double atmospheric and chromatic effect is created, animated by a soft and valued ambience.
In the restaurant area dinner is a moment to be enjoyed in tranquility: padded armchairs and numerous benches invite comfortable seating and even the opportunity to lounge comfortably on soft pillows on which to abandon oneself. The furnishings are wrapped in a chrome finish (walls and ceilings in a spatulated resin and a floor in doghe wood) dominated by dark colors, offset by the precious cloths and woven materials of 1920s furnishings and modernist objects. It is a balanced mix and a contradiction that well-suits the nature of the proprietors.

Nelle foto: Il trattamento del volume con rivestimenti plastici lucidi, nei toni del grigio, riproduce un piacevole gioco di riflessi grazie all’abbondanza di luce naturale che entra dalle ampie vetrate.
The interiors are lined with plastic coverings in grey tones reproducing a pleasing game of reflection, thanks to the abundance of natural light that enters through the amply sized windows.

Completano l’arredo le poltrone Barcelona e alcuni pezzi di artigianato, accentuando i contrasti cromatici e di stile.
Alle pareti si alternano vetrine in rovere verniciato nero di diversa altezza. Una vetrina espositiva dedicata ai vini, realizzata in ferro e vetro a tutta altezza, fa da barriera alla scala d’accesso della zona di servizio: la sua trasparenza crea un piacevole gioco di pieni e vuoti con il bancone adiacente. L’illuminazione dell’intero spazio prevede una gestione generale della luce d’ambiente, attraverso apparecchi a soffitto, ed una più puntuale attraverso apparecchi a sospensione e luci mirate; l’atmosfera è calibrabile in base alla luce esterna.

The seating was designed with a wooden structure (varnished in black) with colored padding: the materials vary from the monochromatic geometric to colored weaves in warm tones of red, orange, and yellow. Armchairs from Barcelona and varied pieces of craftsmanship accentuate the chromatic and style contrasts to complete the furnishings. On the walls, the show windows of different heights alternate in varnished black oak. An iron and glass showcase as high as the ceiling, with a transparency that creates a pleasurable game of solids and voids with the adjacent counter, is dedicated to wines. It acts as a barrier to the access staircase of the service area. The interior lighting consists of
ceiling apparatuses, a more precise suspended light and aimed lighting; the atmosphere is calibrated according to the outdoor lighting.

condividi :
La raffinatezza di un artigiano misurato
11/11/2009
vestire le pareti…
06/09/2005