ARCHITETTURA FARE PENSARE

Bagno

Servizio di Alessandra Bettaglio, architetto

All’interno del Salone del Mobile di Milano, anche il comparto dell’arredobagno ha giocato un ruolo di primo piano. In mostra un concentrato di idee, forme e materiali che hanno dato vita a spazi rivoluzionari dedicati al benessere.

Debuttante con successo alla scorsa edizione del Salone del Mobile, il settore dell’arredobagno ha occupato anche quest’anno una posizione di rilievo all’interno dell’esposizione milanese attirando migliaia di visitatori e operatori in un’area che era quasi il doppio di quella dell’anno passato. Dettaglio che fa capire la dimensione conquistata nel tempo da questo comparto che, negli ultimi anni, ha rivoluzionato la concezione del bagno: una visione che ruota attorno ai concetti di benessere, comodità e tecnologia che rendono questo luogo un’interessante palestra per innovativi esercizi progettuali. Materiali avveniristici, cura del particolare, design minimalista fanno del bagno uno
spazio da esibire, non più da nascondere.

Nelle foto: Motivi naturali e lavorazione artigianale sono le caratteristiche predominanti per questi“oggetti” che danno un tocco particolare e sofisticato all’ambiente. Nic Design
Da Outlook un confortevole cuscino appoggiatesta per rilassarsi nella vasca da bagno. Disponibile in diversi colori.€ 28
Mensola portalavabo in multistrato con finitura in rovere americano abbinata al lavabo e rubinetteria a parete. Ceramica Globo

Nelle foto: Il bagno visto come un’icona del lusso contemporaneo: curve semplici e addolcite si uniscono e formano oggetti di estrema purezza nelle forme e curati nel minimo dettaglio. Visentin
Colori vitaminici per il bikini portaoggetti di Outlook. Facile da appendere grazie alle quattro ventose. € 22

Quando la sensibilità francese si arrichisce di influenze esotiche si genera uno stile unico: quello della linea Lorenzina Creation gioielli di vetro dipinti a mano che qui si declinano in tante “round votive” boule trasparenti luminose e romantiche.€32,50
Lavabo ad installazione sospesa con viti di fissaggio a cui si può adattare una rubinetteria di tipo monoforo. Simas

Contenere, esporre, arredare sono le regole di un sistema che reinterpreta lo spazio del bagno: lavabo in cristalplant incassato a filo del mobile che aumenta dolcemente la profondità della vasca, studiata come un’ala che incanala delicatamente il flusso dell’acqua. Rifra
Box in cristallo con piatto doccia e colonna in resina acrilica color oro: la tecnologia si sposa con un design giovane e originale. Calyx
Vasca ad isola Free Babel: si presenta come un bacino ovale semitrasparente che poggia su una base in legno teck; ideale per arredare la zona bagno di gusto “zen”. Hoesch

In edicola

Bellezza essenziale e semplicità di profilo: il programma doccia Sena propone aste e accessori coordinati dai contorni delicati e puliti. Il getto ampio e abbondante della manopola garantisce un puro piacere di relax. Grohe
L’ampia superficie vetrata è la caratteristica principale del box doccia Prestige. Il sistema di chiusura a tutt’altezza delle cerniere, che scompaiono all’interno del profilo una volta chiusa l’anta, rende impeccabile il funzionamento di
questo box. Novellini

Dopo le preziose collaborazioni con Alessi, Laufen e Antonio Citterio, Inda, la più grande azienda italiana operante a livello internazionale nel settore idrotermo-sanitario, si è presentata all’edizione 2004 del Salone del
Mobile di Milano allestendo il suo spazio attorno ad una nuova collezione di mobili: la serie Progetto, disegnata in esclusiva per il marchio Inda da Castiglia Associati.

Quattro versioni differenti per una nuova proposta da inserire nell’ambiente bagno che risultano la sintesi tra componibilità e personalizzazione per una fascia di mercato alla ricerca del bello: Mirus (nella foto), Forma, Sphaera e Dharma, realizzati in ceramica e mineralmarmo. Aggiungendo queste novità alla sua produzione Inda si pone sul mercato con diverse proposte complete per l’arredobagno:

mobili, accessori, cabine doccia sono interpreti dei significativi cambiamenti che stanno caratterizzando questo spazio, consacrato al benessere: proprio in conseguenza di queste trasformazioni Inda ha attivato un Centro Studi interno all’azienda volto all’approfondimento delle scelte e delle tendenze del settore, con lo scopo, tra le altre cose, di informare un target di utenti ancora non sufficientemente preparato ad accogliere questi cambiamenti, di cui le
aziende del settore sono protagoniste.

Un’ambientazione pratica e funzionale, costruita con materiali comodi e duraturi, adatta a creare un luogo confortevole dedicato alla cura della persona. Ideal Standard

 

condividi :
Ordine degli Architetti di Enna
31/07/2005
La buona tavola
15/02/2007