ARCHITETTURA FARE PENSARE

Artifer

 
Tratto da:
Il ferro battuto N°24
La leggiadra eleganza del ferro battuto

A Schio, in provincia di Vicenza, la Artifer produce con metodi all’avanguardia mobili in ferro di concezione artigianale pensati sia per l’arredo di interni, sia per parchi e giardini.

Da Artifer l’espressione più nobile del ferro battuto, quando privato della sua “pesantezza” si esprime nelle curve
morbide di tavoli e sedie pensati per momenti di relax “en plain air”.

E’ dalle prime attività artigianali sorte alla fine dell’800 che risale la storia della famiglia Casatto di San Vito, piccolo paese dell’Alto Vicentino, che utilizza non solo gli strumenti del falegname, ma anche quelli del fabbro: la forgia a carbone, l’incudine e il martello, per costruire le ruote dei carri e i tini per il vino, entrambi rinforzati con cerchi in ferro. Da allora quattordici componenti della famiglia si sono succeduti in azienda apprendendo dai familiari più anziani i segreti del mestiere, allargando la produzione al ferro battuto decorativo.

Nelle foto: Alcune realizzazioni della ditta Artifer che crea bellissimi modelli di sedute in ferro battuto con tutta una serie di complementi dal tavolo al tavolino da salotto, dal portariviste all’attaccapanni. Quello che piace in questi mobili è la loro linea, mai dura o fredda, ma dinamica e aggraziata, ed anche il dettaglio creativo molto ben realizzato.

E’ nel dopoguerra avanzato che, seguendo il boom dell’edilizia, si specializzano in recizioni, cancelli e ringhiere. Nei primi anni ‘60 danno vita ad un’azienda più ambiziosa, la Artifer, dove mettono a punto i primi sistemi meccanici di piegatura e torsione del ferro. Negli anni ‘70 la Artifer costruisce un proprio stabilimento a Zané, dove evolve la sua produzione realizzando manufatti in serie e adottando la lavorazione “a freddo” con torcitura meccanica. In particolare l’abilità di Domenico Casatto, l’attuale presidente, è riuscita ad automatizzare e velocizzare ulteriormente molte lavorazioni, con il risultato che, semplificando il lavoro, si dà più spazio alla creatività nel realizzare i loro eleganti mobili in ferro battuto sia per interni che per i giardini.

condividi :
L’arte del tessere
26/02/2007
Il fienile si riveste di lusso
20/01/2010