ARCHITETTURA FARE

Aromi: Basilico


Gli aromi di Casa felice

Basilico Genovese è il nome di un prodotto ortofrutticolo italiano a Denominazione di Origine Protetta. L’iter per il riconoscimento si è protratto per oltre sei anni ed ha visto la sua fase conclusiva risolversi fra il 2004 e l’ottobre del 2005.
Come per il basilico in generale (l’Ocimum basilicum originario dell’Asia tropicale), anche a quello
prodotto nel Genovesato (in lingua ligure o baxeicou o o baxaicò) viene attribuito – come scrisse
anche Plinio il vecchio – un valore afrodisiaco.

Questo prodotto – sebbene l’indicazione DOP si riferisca alla coltura praticata in tutta la Liguria – viene principalmente coltivato in uno specifico quartiere di Genova, ovvero Pra’, dove viene coltivato fin dall’antichità ed è rinomato per la sua qualità, particolarmente indicata per la preparazione del classico pesto, il condimento tipico della cucina ligure adatto a confezionare uno svariato numero di piatti asciutti e speciali tartine e focaccette. Il basilico genovese (le lettere in maiuscole della dicitura ufficiale si riferiscono alla nomenclatura originale attribuita dal Ministero per le Politiche agricole di concerto con la UE) si distingue per le sue foglie di dimensione mediopiccola, con forma ovale e convessa, ed il colore verde tenue che le caratterizza. Il profumo è – rispetto ad altri tipi di basilico – particolarmente
delicato ed assolutamente privo di quella fragranza di menta spesso riscontrabile in questo frutto della terra quando viene coltivato in altre località.

Decol
REVN CHEF
trita spezie ed erbe
aromatiche
Il comodo tritaerbe per le vostre
salsa fresche migliori.
(senza batterie)
WWW.DBLIVING.COM

La semina – che può essere effettuata durante tutto l’anno, pur concentrandosi prevalentemente nel periodo primaverile – avviene manualmente a terra, ad una profondità di mezzo centimetro, in siepi denominate tacche appositamente predisposte e della dimensione di circa cm. 120 / cm. 160. I fertilizzanti (soprattutto di tipo organico) vanno interrati precedentemente durante la fase di preparazione del terreno che dev’essere leggero ma al tempo stesso arricchito di una buona dotazione di calcio ed a basso contenuto di componente acida. L’acqua migliore per il basilico è l’acqua piovana.

 

condividi :
La cucina nei casali in Toscana
01/09/2005
Editoriale
01/03/2007