ARCHITETTURA FARE

Un felice riuso dell’architettura

Il villaggio Eni di Borca di Cadore, inaugurato nel 1958, è il frutto del felice incontro tra Enrico Mattei, imprenditore pubblico illuminato e presidente dell’Ente, con Edoardo Gellner, architetto attento e sensibile al contesto ambientale e alle sue forme insediative.
Le ville originarie sono ancora attuali: le esigenze e le necessità contemporanee richiedono però, in particolare, l’estensione e la riorganizzazione degli ambienti di servizio oltre al rifacimento degli impianti. Nel caso di questa villa, il progetto di riuso dell’arch. Vatta ha previsto il mantenimento ed il restauro dell’involucro esterno e la riorganizzazione funzionale degli spazi interni ricavando una camera suppletiva ed un servizio igienico ulteriore, per soddisfare le esigenze di accoglienza e di ospitalità, cercando altresì di non snaturare lo spirito che l’architetto Gellner aveva dato.

Nella villa, su un crinale con vista sul monte Pelmo, l’interno è stato riconcepito come un involucro continuo ligneo, senza soluzione di continuità, con eccezione della zona di accesso, del camino e dei bagni rivestiti in liste di diorite, simile a quella utilizzata da Gellner: il rivestimento è stato realizzato con pannelli di Parklex (legno stratificato) di colore intenso come il larice.Tanto divertimento sulla neve ma non solo sugli sci: la vera alternativa in Val d’Ultimo è la ciaspolata. Itinerari mozzafiato tra i boschi della valle più silenziosa dell’Alto Adige alla scoperta di masi antichi su sentieri di neve soffice a stretto contatto con la Natura. Escursioni guidate fino alle malghe per degustare i prodotti tipici locali. Camminare con le ciaspole è facile, ecologico, alla portata di tutti e aiuta la salute del corpo e della mente. (Info www.dolomiti.it)CAMMINARE IN MONTAGNA È BELLO E SALUTARE, MA PUÒ RISERVARE BRUTTE SORPRESE SE NON SI CONOSCE BENE LA ZONA O SE IL MALTEMPO O LA NEBBIA CI IMPEDISCONO DI ORIZZONTARCI; E COMUNQUE È SEMPRE BENE SAPERE DOVE CI SI TROVA E QUANTO MANCA ALLA NOSTRA META.
I NAVIGATORI DA PASSEGGIO EXPLORIST, IN 4 MODELLI, DELLE DIMENSIONI DI UN TELEFONINO, ROBUSTI, IMPERMEABILI, SONO L’IDEALE PER CHI VUOLE FARE ESCURSIONI IN TUTTA SICUREZZA: HANNO GPS AD ALTA SENSIBILITÀ, MAPPE MONDIALI,
AUTONOMIA DI CARICA DI 16-18 ORE, SCHERMO DA 2,2” PER IL MODELLO INIZIALE GC E DA 3” TOUCH SCREEN PER GLI ALTRI; SLOT PER MICROCARD, FOTOCAMERA DA 3,2 MP, CASSE E MICROFONO PER I MODELLI 510, 610 E 710; MAPPE TOPOGRAFICHE, BUSSOLA ELETTRONICA A TRE ASSI, BAROMETRO E ALTIMETRO NEI 610 E 710; MAPPE DELLE CITTÀ PASSO A PASSO NEL 710. CON UNO DI QUESTI NAVIGATORI IN TASCA, POSSIAMO DEDICARCI ALL’ESPLORAZIONE, ALLA CACCIA, AL TREKKING SENZA ALCUN PROBLEMA E CON GRAN PIACERE. (MAGELLAN)DARIO VATTA, NATO A MESTRE NEL 1958, SI LAUREA NEL 1984 PRESSO L’ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA, NEL LABORATORIO DI ALDO ROSSI; NEL 1990 È SOCIO FONDATORE DELLA WORKSHOP SRL, SOCIETÀ CHE FORNISCE SERVIZI DI ELEVATA QUALITÀ PER LA PROGETTAZIONE ARCHITETTONICA ED URBANISTICA, SIA AI PROPRI ASSOCIATI CHE A SOCIETÀ DI PROGETTAZIONE ESTERNE, CON LA QUALE HA PRESTATO CONSULENZE E COLLABORAZIONI PER IL GRUPPO IRITECNA (ITALPOSTE SPA, EDILPRO SPA, SVEI SPA, EDILSA SPA) E PER ENGINEERING NAZIONALI ED INTERNAZIONALI.Vivi naturale in una vera casa in legno massiccio
www.fbewoodliving.it

condividi :
Stufe
31/07/2005
Focolare aperto o chiuso?
29/01/2007