PENSARE

Relazioni condivise

Ci sono anche, e ciò probabilmente in ogni cultura come in ogni civiltà, dei luoghi reali, dei luoghi effettivi, dei luoghi che appaiono delineati nell’istituzione stessa della società, e che costituiscono una sorta di contro-luoghi, specie di utopie effettivamente realizzate nelle quali i luoghi reali, tutti gli altri luoghi reali che si trovano all’interno della cultura vengono al contempo rappresentati, contestati e sovvertiti; una sorta di luoghi che si trovano al di fuori di ogni luogo, per quanto possano essere effettivamente localizzabili. Questi luoghi, che sono assolutamente altro da tutti i luoghi che li riflettono e di cui parlano, li denominerò, in opposizione alle utopie, eterotopie … Michel Foucault, Eterotopia.

Premessa
Sempre più si richiede ai giovani laureati, nell’ambito delle discipline del progetto, di sviluppare una capacità d’indirizzo verso visioni strategiche e di saper contestualizzare, nel rapporto socio-economico, le ricadute sistemiche che orientano la gestione dei processi mettendo in luce i limiti del movimento della figura umana nello spazio.
La tesi principale di questo scritto è il dialogo tra diverse identità soggettive o collettive che possono generare cambiamenti anche sostanziali nel modo di concepire un approccio più contemporaneo del progetto per cogliere la complessità delle cose come nel design dei servizi. In effetti, non è pensabile che queste discipline ignorino il settore dei servizi che contribuisce alla crescita del PIL di una nazione…

L’articolo completo è disponibile in
ARCHITETTURA E CITTA’ 6
Acquistalo online o in Edicola! 

condividi :
I beni culturali della Diocesi di BergamoCome rispondere alle necessità dell’arte
26/05/2006
LA CAREZZA DELL’ACQUA
23/10/2008