PENSARE

Luoghi, non-luoghi, nuovi-luoghi del moderno-contemporaneo

L’attenzione al contesto, in particolare al contesto storico, diventa peculiare ed ossessiva nel post-moderno del secondo dopoguerra, per via del rifiuto della storia da parte del movimento moderno più illuminista (Le Corbusier che cancella la vecchia Parigi, conservandone i maggiori monumenti in un parco, sembra stranamente prefigurare per opposto la nostra disneyzzazione del patrimonio), per via dei danni dovuti alle benchè opposte violenze dei monumentalismi accademici totalitari degli ‘sventramenti o diradamenti’ e dei razionalismi cartesiani della ‘tabula rasa’, naturalmente – poi – per via delle distruzioni belliche.
La sensibilizzazione fu tanta che perfino i progetti più curati della Ricostruzione furono oggetto di un dibattito molto sospettoso, che troppo presto passò dal ‘come’ al ‘se’ fosse opportuno ricostruire…

L’articolo completo è disponibile in
ARCHITETTURA E CITTA’ 6
Acquistalo online o in Edicola!

condividi :
Tetto verde: normativa e progettazione
17/06/2019
Tradizione e tecnologia: la CUCINA ECONOMICA
16/06/2011