FARE

La formazione del pittore edile

L’esperienza di Aram Monoukian.

Qualificazione attraverso la formazione anche del pittore edile.

Slot 6 di Fidec2018

Aram Monoukian parla della necessità della qualificazione di alcune figure professionali come opportunità fondamentale d’inserimento lavorativo soprattutto per i giovani. Il dibattito fra diverse associazioni.

Infatti, a partire dal caposaldo della Legge 4/2013 il percorso di formazione e qualificazione dell’applicatore da parte di Lechler con l’istituzione di training center che rispondono alla esigenza sempre più sentita dai giovani dell’importanza della qualificazione e della formazione per diventare professionalmente preparati.

 

La regola d’arte del pittore edile.

Qui vengono preparati sull’efficientamento e l’applicazione a regola d’arte. Per questo motivo, La regola d’arte è una via maestra per gli utilizzatori, vantaggiosa economicamente per i costruttori e un valido punto di riferimento per gli utenti. Aram Monoukian racconta di questa eccellenza aziendale. La sua impresa ha affiancato il lavoro di accreditamento dell’attività professionale della figura del pittore con AVISA. Infatti con questa collaborazione si è realizzata la norma UNI 11704:2018. Detto questo, questa norma offre una serie di opportunità; per gli applicatori la qualità e dignità lavorativa, mentre per i produttori le ricadute sono sul loro prodotto.

 

Articolo sponsorizzato da InfoPage:   Se sei un pittore edile registrati qui.

La Norma e il ruolo delle associazioni

La messa in atto della norma è un atto di responsabilità verso la qualificazione e formazione delle nuove generazioni, che l’industria può alimentare facendo prodotti di qualità utili per le persone. Il ruolo fondamentale delle associazioni per il riconoscimento delle figure professionali è avvalorato dalle testimonianze di operatori di diversi settori. Nada Forbici racconta il percorso di accreditamento, tramite linee guida, dell’Associazione Florovivaisti per la figura del manutentore del verde sancito con un accordo in Conferenza Stato-Regioni (23/02/2018). Andrea Lavorato di Assimpredil Milano afferma che regole e requisiti delle norme devono essere improntate dalle associazioni prima che arrivino dall’alto come nel caso del Decreto Sicurezza inapplicabile per il settore costruzioni. In particolar modo, sulla necessità di contrastare la concorrenza sleale si sofferma l’ing. Massimo Colombo dell’Ance di Varese Colombo, facendo riferimento alla bozza del d.p.r. sulla qualificazione delle imprese come base per contrastare il fenomeno.

 

Altri dettagli su Fidec2018

condividi :
Il pavimento in cotto e la sua storia attraverso i secoli
21/10/2005
La testimonianza delle pietre
27/04/2006