PENSARE

La bottega dell’antiquario

La passione e l’amore per i bei mobili antichi ha spinto questo antiquario del Bellunese a ricercare gli esemplari più belli non solo nelle valli limitrofe, ma anche in quelle tirolesi e delle Alpi, e poi a restaurarli con una particolare competenza, una grande conoscenza della materia e una sconfinata attrazione per la bellezza; il risultato è sotto gli occhi di tutti, con questi mobili d’epoca che ci parlano di antichi tempi lontani in cui regnava la bellezza.

Ecco un bellissimo armadio dipinto secondo il modello tradizionale tirolese che spazia dal Cinquecento fino al Novecento inoltrato: questo, in particolare, ha origine in Val Pusteria.
I soggetti fanno sempre parte di un’iconografia popolare che si rifà agli avvenimenti delle stagioni, ai raccolti, alle feste popolari, alle devozioni delle ricorrenze religiose principali.

Vediamo un prezioso mobile settecentesco, una credenza con alzata, impreziosita dal gran numero di cassetti.

Sul bellissimo tavolo tirolese di struttura massiccia (si noti il particolare disegno delle gambe, fra loro collegate orizzontalmente) circondato dalle sedie sagomate secondo stilemi tradizionali, vediamo una piccola collezione di orologi da tavolo e da parete, stupendamente decorati a smalto; questa è una piccola “deviazione” dalla solita ricerca dell’antiquario ma che dà frutti di singolare bellezza, molto apprezzati dalla clientela raffinata e competente.
(Alberto Sacco Sonador)

www.antichitasaccoalberto.it

condividi :
EditorialeIl camino e i videogiochi
01/09/2005
Editoriale
01/09/2005