PENSARE

Antico è bello

Percorrere le valli delle nostre Alpi, cercare nei piccoli paesi le case più antiche, entrare nei masi abbandonati per scovare quei tesori del gusto e della bellezza, che troppo spesso sono dimenticati o trascurati o mortificati nel loro uso quotidiano, e riportarli al loro primigenio splendore: è questa la missione di un antiquario per passione e restauratore per amore, che ricerca le cose semplici e belle, abbandonate e neglette, e le riporta a un nuovo splendore. Con un’attenta opera di restauro, che riesce a rispettare totalmente la natura dei materiali e a riportare mirabilmente alla luce tutte le particolarità dei decori e degli intagli, con la massima fedeltà all’originale: ben lo possiamo apprezzare negli oggetti che ci propone, tutti esempi della vitalità artigianale e artistica della loro epoca, che si trasmette ancor oggi a chi vuole arricchire la propria casa con questi preziosi mobili, oggetti e complementi, che da soli possono trasformare un intero arredamento in un’espressione di arte applicata.

Una bella cassapanca con formelle in legno di abete dipinto secondo i motivi tradizionali dell’epoca, originale dei primi anni del 1800 e proveniente dal Tirolo.
Un elegante armadio decorato a rilievo e ad intaglio, a 2 ante, in legno di cirmolo, originale della prima metà del 1800 e proveniente dalla Val Pusteria: da notare il decoro sul traverso centrale, un fine lavoro di intaglio di grande perizia artigianale. (Alberto Sacco Sonador)Antichità
www.antichitasaccoalberto.it

condividi :
Un fiore di pietra rivolto al cielo
31/07/2005
I tesori da salvare, fatti e non parole
01/09/2005