ARCHITETTURA FARE PENSARE

6 Progetti di cucine

 

 

Un bilocale abitato da sempre da una giovane coppia deve essere ripensato per una single libera professionista che deve utilizzare l’appartamento non solo per vivere ma anche per trascorrere lungo tempo discutendo di lavoro con la socia in affari. Bisognava quindi accantonare il concetto tradizionale della casa intesa come accostamento di due poli, la zona notte e la zona giorno, per lasciare spazio ad una maggiore fruibilità durante le ore lavorative. Le fattezze della casa, un eccezionale sottotetto con il punto più alto a poco meno di sei metri, consentono di soddisfare tale necessità. Si è collocata la zona notte su un soppalco, consentendo all’abitante di offrire ad un eventuale cliente o collaboratore un ambie-te più professionale di quanto un appartamento solitamente non sia in grado di fare. Gli interventi murari hanno ripensato in toto gli spazi interni, affidando comunque la loro dislocazione al posizionamento degli scarichi esistenti. L’ingresso porta direttamente a quello che viene utilizzato come studio: uno spazio ai piedi del soppalco at-trezzato con tavolo, sedie, libreria e mobile per il computer in cui si può discutere di lavoro. Questo spazio si affaccia sulla zona conversazione. La cucina è stata rimodellata con una parete tondeggiante composta parzialmente da vetrocemento di fronte alla quale, nell’ingresso, si trova il soppalco aggettante curvo della camera da letto. La cucina è attrezzata con un tavolo di ridotte dimensioni per quando a consumare il pasto si è in due persone al massimo; in caso di ospiti si utilizza il tavolo solitamente posto nella zona studio, per il quale è opportuno scegliere un modello su ruota. Sotto il soppalco si sviluppa il bagno, che è provvisto di antibagno il quale funge anche da cabina armadio passante. La scala di accesso al soppalco è situata nelle vicinanze della finestra che dà luce alla zona studio, ed è utilizzata anche come contenitore. Nelle sue vicinanze è situato l’ingresso alla cabina armadio. Il soppalco ospita il letto, basso, in un contesto tendenzialmente scenografico data la forma circolare della superficie, ed un mobile antico di famiglia. Questa zona è anche arricchita da alcuni quadri di ispirazione Espressionista a cui la proprietaria è particolarmente legata. Per il pavimento di tutto l’appartamento si è scelta una pietra scura come l’ardesia e per l’arredamento dei laccati chiari e in tinte rilassanti come il verde acqua. La cucina, il tavolo e gli imbottiti ruotano attorno ad una gamma di verdi in gra-dazione e sono mobili dalle linee sobrie e moderne, mentre nel soppalco per valorizzare il mobile antico ed il letto in wengè, si è preferito per il pavimento una tonalità di verde più chiaro come il verde salvia.

Sanitari bagno "Small", Ideal Standard "Programma Composit", Duepiù, libreria componibile. "Andaman Tatami", letto matrimoniale, Orizzonti Design Paola Navoni.

condividi :
Home work
31/07/2005
Design d’alta quota
21/09/2012